“Bosa Beer Fest 2018”: presentata l’edizione numero 4 che si terrà il  24 e 25 aprile

Al  “Bosa Beer Fest 2018” ci saranno un convegno internazionale, 100 tipi di birra, 21 etichette ed eventi culturali e musicali.  30 imprese, tanti dipendenti, un prodotto artigiano di elevata qualità e notevole varietà, grande entusiasmo. E’ questo il “mondo” delle imprese birrarie della Sardegna, cresciuto di ben 17 unità in soli 5 anni. Delle 30 realtà, 6 gestite da under 35 e 2 da donne, 12 si trovano in provincia di Cagliari, 7 ciascuna in quelle di Nuoro e di Sassari e  4 a Oristano. 

 di Siro Zani

 Giunta alla IV edizione, il “Bosa Beer Fest”, manifestazione brassicola regionale della Sardegna che i prossimi 24 e 25 aprile porterà nelle strade e nelle piazze della cittadina della Planargia 21 birrifici, di cui 15 sardi, 5 del resto d’Italia e 1 catalano, oltre 100 tipi di birre, prodotti agrogastronomici regionali e internazionali e programmi di intrattenimento per adulti e bambini.

L’appuntamento è stato presentato questa mattina a Cagliari dall’Associazione Culturale Sardinia4all, organizzatrice e curatrice dell’evento, dalla Conad, main sponsor, e da Confartigianato Imprese Sardegna, partner dell’evento, insieme ai Consiglieri Regionali Paolo Truzzu, Lugi Crisponi e Alfonso Marras.

 Martedì 24 la due giorni verrà aperta dal convegno internazionale sulla birra dal titolo La birra artigianale in Sardegna nello studio dei ricercatori della Newcastle Business School”. Alle 10.30, presso il Museo delle Conce, via ai lavori con l’introduzione di Giampiero Carta, Responsabile Comunicazione Sardinia4All cui seguiranno gli interventi di Ignazio Cabras, Docente di Business e Sviluppo Economico a Newcastle Business School, Northumbria University (Regno Unito), Stefano Mameli, Segretario di Confartigianato Imprese Sardegna, Paolo Truzzu, Luigi Crisponi e Alfonso Marras, Consiglieri Regionali della Sardegna.

Il 25 aprile, sempre al Museo delle Conce, dalle 17.30, presentazione del libro “Leggende Rossoblu” di Vittorio Sanna. L’autore conversa con Sandro Angioni

Per i più piccoli saranno a disposizione il “Conad Children Village” e il “Bosa Beer Circus” con animazioni e giocoleria, i “live” allieteranno i presenti dal pomeriggio fino alla sera mentre la disco music Molella e di Sonik farà ballare giovani e adulti.

I visitatori, per la prima volta, a Bosa potranno usufruire del Biglietto Unico per visitare chiese e musei della città grazie alla partnership tra Bosa Beer Fest e le Coop. La Memoria Storica e L’Antico Tesoro.

Come nelle altre edizioni, a disposizione anche numerose strutture ricettive e la possibilità di praticare lo Yoga&Beer, escursioni in barca ed in Sup sul fiume Temo e due grandi spettacoli di musica e luci proprio in mezzo al fiume.

30 imprese, tanti dipendenti, un prodotto artigiano di elevata qualità e notevole varietà, grande entusiasmo. E’ questo il “mondo” delle imprese birrarie della Sardegna, cresciuto di ben 17 unità in soli 5 anni. Delle 30 realtà, 6 gestite da under 35 e 2 da donne, 12 si trovano in provincia di Cagliari, 7 ciascuna in quelle di Nuoro e di Sassari e  4 a Oristano. 

“Come certificano i recenti dati – affermano Antonio Matzutzi e Stefano Mameli, Presidente e Segretario di Confartigianato Imprese Sardegna – il settore nell’Isola cresce di giorno in giorno. Un mondo, quello dei piccoli birrifici, che arricchisce il territorio sardo, dove qualità e artigianato sono le coordinate fondamentali in cui s’inseriscono metodo di lavorazione, materie prime impiegate nonché professionalità, passione ed eccezionale competenza dei maestri birrai artigiani”. “Quindi – continuano il Presidente e Segretario – un vero e proprio fenomeno culturale e un settore in espansione, ricco di opportunità e buone prospettive, che Confartigianato Imprese Sardegna ritiene sia il volano di una crescita di filiera, evoluta e dinamica, con impatti e ricadute benefiche trasversali che vanno dal mondo dei coltivatori sino all’indotto del turismo enogastronomico ed esperienziale”. “Nell’ultima Manovra Finanziaria Regionale – sottolineano Matzutzi e Mameli – anche la Politica sarda ha certificato l’importanza delle imprese birrarie della Sardegna, approvando un emendamento, proposto dall’Onorevole Truzzu, che stanzia 100mila euro per l’abbattimento di una quota di Accise”. “Anche questi segnali da parte della Regione – concludono Presidente e Segretario – confermano come queste realtà rappresentino una eccellenza artigianale della nostra isola che va tutelata, valorizzata e supportata nella ricerca di nuovi mercati nazionali e internazionali, guardando oltre la produzione territoriale”.

“Oltre al divertimento e alla degustazione della birra – affermano Antonio Marras e Giampiero Carta, rispettivamente Presidente e Responsabile della Comunicazione dell’Associazione Sardinia4all, esponendo il programma della 2giorni – quest’anno vogliamo promuovere la birra come attività imprenditoriale. Per questo, da parte delle imprese produttrici, crediamo possa essere importante la partecipazione al convegno della mattina del 24, nel quale presenteremo uno studio condotto dai ricercatori della Newcastle Business School (Northumbria Univeristy) con l’intento di esplorare e analizzare lo sviluppo dei microbirrifici e delle birrerie artigianali in aree a forte vocazione e tradizione vitivinicola quali la Sardegna”. “Tramite focus groups con imprenditori locali – continuano Marras e Carta – ricercatori hanno analizzato i rischi e le opportunità d’impresa delle aziende brassicole sarde, il loro impatto sulle comunità locali nella creazione di opportunità economiche e nel promuovere il turismo, e altri aspetti riguardanti competizione/cooperazione con aziende vitivinicole operanti nel territorio”. “La birra può avere un impatto significativo in Sardegna – concludono i due organizzatori della Manifestazione – e offrire terreno fertile per varie attività economiche, nonché diventare incubatori importanti per lo sviluppo delle relazioni umane e del social networking. Lo studio intende colmare il vuoto di conoscenza, identificando e studiando i birrifici artigianali sardi come un importante esempio in un mercato tradizionalmente dominato dal vino”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Add Comment