Rubrica: ”Una strada, un personaggio, una Storia”: Cagliari,  via Enrico Sanjust

Ogni settimana parleremo di una strada raccontando la storia del personaggio a cui è dedicata. Si potranno scoprire così le persone, molte volte sconosciute, legate alla storia della Sardegna o Italiana tramite la loro biografia

 di Annalisa Pirastu

Via Enrico Sanjust è il proseguimento di viale Europa a Cagliari.

Enrico Sanjust di Teulada, Conte Palatino,  nasce a Cagliari nel 1846, da Ignazio e da Caterina Amat dei Baroni di Sorso.

Enrico Sanjust si laureò in giurisprudenza e  svolse brillantemente l’attività di avvocato. Fu una figura di intellettuale della Sardegna a tutto tondo. Fu un critico attento e  acuto, divenne un importante giornalista e rappresentò un importante punto di riferimento per il mondo cattolico Cagliaritano.

Nelle sue intense giornate infatti, Sanjust trovò il tempo e le energie per guidare molte  associazioni cattoliche.

La sua passione  più grande era il  teatro. Divenne quindi un apprezzato critico letterario, con l’attenzione rivolta al teatro. Creò un archivio la cui importanza culturale è tale che non ci sarebbe memoria e documentazione della vita artistica e teatrale di Cagliari  per vari decenni, senza  di esso.

Sanjust si sposò nel 1877 con Maria Amat di San Filippo. La coppia ebbe nove figli. Enrico, la moglie e i figli vissero nel palazzo di Piazza Indipendenza.

Palazzo Sanjust, così chiamato, fu  voluto da Edmondo Sanjust.

L’area del palazzo era in origine  sede di un convento fino ai primi del ‘600. In seguito divenne  sede dell’Università e nell’Ottocento fu trasformato in caserma con annessa  scuderia. La storicità attuale del palazzo è databile alla fine dell’800 e la sua storia rimane  legata ai due personaggi della famiglia Sanjust: Edmondo ed Enrico.

I discendenti Sanjust abitarono il palazzo fino ad anni recenti finchè  l’edificio fu acquistato dalla massoneria.