Tour in Sardegna di Elisabetta Gnone per presentare “Olga di carta- Jum fatto di buio”

Giovedì 3 maggio alle 11 a Sassari e alle 15 a Tempio Pausania. Venerdì 4 maggio alle 9 a San Giovanni Suergiu e alle 11.15 a Carbonia. Un libro sul potere salvifico del raccontare storie che affronta con tenerezza e ironia i timori e le fragilità che ci spaventano e rendono umani

 

di Antonio Tore

 

È Jum fatto di buio (Adriano Salani Editore) il nuovo romanzo della serie Olga di carta di Elisabetta Gnone, ideatrice della fortunatissima saga di Fairy Oak. La scrittrice lo presenta in un tour in quattro tappe organizzato nell’ambito di Éntula, il festival letterario diffuso organizzato dall’associazione Lìberos. Si comincia giovedì 3 maggio alle 11 a Sassari nella Biblioteca comunale in piazza Tola nell’ambito del Maggio dei Libri organizzato dal Comune di Sassari; si prosegue alle 15 a Tempio Pausania nella Biblioteca comunale al Chiostro degli Scolopi. Venerdì 4 maggio la giornata è dedicata alle scuole. L’autrice incontra a San Giovanni Suergiu alle 9 gli studenti dell’istituto comprensivo G. Marconi e alle 11:15 quelli dell’istituto comprensivo Deledda-Pascoli di Carbonia all’interno del progetto La scuola che legge.

Olga di carta – Jum fatto di buio (Salani, 2018), Il villaggio di Balicò è ammantato di neve e si avvicina il Natale. Gli abitanti affrontano il gelo che attanaglia la valle e Olga li riscalda con le sue storie. Ne ha in serbo una nuova, che nasce dal vuoto lasciato dal bosco che è stato abbattuto. Quel vuoto le fa tornare in mente qualcuno che anche Valdo, il cane fidato, ricorda, perché quando conosci Jum fatto di Buio non lo dimentichi più. È un essere informe, lento e molliccio, senza mani né piedi. La sua voce è l’eco di un pozzo che porta con sé parole crudeli e tutto il suo essere è fatto del buio e del vuoto che abbiamo dentro quando perdiamo qualcuno o qualcosa che ci è caro. Jum porta con sé molte storie, che fanno arricciare il naso e increspare la fronte, e tutte sono un dono che Olga porge a chi ne ha bisogno.

Elisabetta Gnone, Nata a Genova vive sulle colline del Monferrato. La sua carriera inizia con la collaborazione al settimanale Topolino, e quindi con la Disney, per la quale crea nel 2001 la serie di fumetti i W.I.T.C.H., destinata ad un successo mondiale. Nel 2004 pubblica il primo libro della fortunatissima saga di Fairy Oak, che conquista il cuore di milioni di giovani lettori nel mondo. Negli ultimi anni Elisabetta si è dedicata alla scrittura del suo nuovo romanzo Olga di carta, una storia sull’importanza di raccontare le storie. Un romanzo per i lettori di tutte le età, che affronta il tema della fragilità, della vulnerabilità e dell’imperfezione che ci rende umani.