Il Conservatorio di Cagliari apre le sue porte ai visitatori

In occasione della manifestazione Monumenti aperti, il Conservatorio Pierluigi da Palestrina accoglie curiosi ed appassionati e regala alla città due giornate di concerti

 

di Daniela Puggioni

 

Anche quest’anno la manifestazione Monumenti aperti renderà la città e le sue bellezze alla portata di tutti. Per due giornate, sabato 5 e domenica 6 Maggio, sarà possibile visitare gratuitamente i monumenti della città ed avventurarsi in quelle attrazioni che non sono visitabili durante il resto dell’anno.

Per la prima volta, il Conservatorio di Cagliari, intitolato dal 1939 a Pierluigi da Palestrina, apre le sue porte al pubblico ed a tutti colori che vogliono conoscerne la sua storia.

Per due giornate, i cagliaritani potranno visitare i corridoi del tempio didattico della musica in città, e ritrovarsi immersi nell’atmosfera che studenti e docenti condividono ogni giorno.

Grazie all’iniziativa del professor Francesco Marceddu, una squadra di allevi composta da Giacomo Paulis, Federica Nucita e Silvia Murenu condurrà i visitatori attraverso un percorso a tappe, in cui si respirerà il fermento creativo della quotidianità, ma sarà anche possibile fruire di intensi momenti musicali, come assistere ad una lezione di musica da camera o alle prove di un ensamble di 50 fiati.

In entrambe le giornate, le visite avranno luogo alle ore 10 ed alle ore 11:30 la mattina, alle ore 15 ed alle ore 16:30 il pomeriggio.

Ma la partecipazione del Conservatorio alla manifestazione non si limiterà alle visite guidate presso la sede di Piazza Porrino. Come di consueto, concerti ed esibizioni, dislocate in giro per il centro di Cagliari, arricchiranno di note e melodie la programmazione della manifestazione.

Coordinati da Sandro Medda, Livia Sandra Frau e Antonella Ferru, i concerti si svolgeranno dalle ore 9 alle ore 20 presso tre diverse sedi cittadine: il Ghetto degli ebrei, la chiesa di Santa Rosalia e l’Auditorium stesso del Conservatorio. Protagonisti, gli allievi dei professori Maria Elena Runza, Luigi Muscio e Alessandra Giura Longo, con la partecipazione straordinaria del Coro delle voci bianche ed il Coro degli allievi.

I docenti Mario Frezzato, Paolo Vernile, Luigi Muscio, Enrico Di Maira e Francesco Marceddu dirigeranno gli studenti e offriranno un repertorio musicale che spazierà da J.S. Bach a F. Mendelshonn, da F. Chopin a T. Takamitsu.

Monumenti Aperti non perde mai il suo appuntamento con la musica.