Cagliari: arrestati due fratelli per maltrattamenti ai genitori per estorcere denaro

Il provvedimento restrittivo è stato emesso a seguito di una laboriosa e delicata attività investigativa condotta dai poliziotti della Terza Sezione della Squadra Mobile, grazie alla quale le vittime hanno acquisito maggiore fiducia e coraggio nel denunciare le continuate vessazioni subite. Le minacce venivano attuate anche con l’utilizzo di coltelli ed altri arnesi e addirittura in una circostanza avevano utilizzato per le loro intimidazioni una motosega

 redazione

La Polizia ha  eseguito  l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Cagliari a carico di due fratelli, rispettivamente, di 52 e 54 anni, che si sono resi responsabili dei reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione a danno degli anziani genitori.

Il provvedimento restrittivo è stato emesso a seguito di una laboriosa e delicata attività investigativa condotta dai poliziotti della Terza Sezione della Squadra Mobile, grazie alla quale le vittime hanno acquisito maggiore fiducia e coraggio nel denunciare le continuate vessazioni subite.

La coppia di anziani, in particolare, era vittima da tempo delle violenze perpetrate dai due uomini e diverse volte avevano chiesto l’intervento delle Forze di Polizia, in occasione del verificarsi degli episodi più cruenti. Nonostante per un lungo periodo permanessero in una situazione nella quale si trovavano continuamente in pericolo di vita, i due genitori mantenevano un atteggiamento chiuso e sottomesso.

Gli specialisti della Squadra Mobile hanno seguito puntualmente  la vicenda, attraverso diversi incontri con le vittime, grazie ai quali dal settembre scorso hanno iniziato ad aprirsi con gli investigatori e a raccontare con sempre maggiori dettagli e consapevolezza le tristi vicende di cui erano protagonisti.

Da ciò è potuto emergere il quadro completo delle violenze consumate all’interno della loro casa ad opera dei figli, delle continue minacce e offese che i due uomini operavano incessantemente verso i propri genitori, volte ad ottenere consegna di denaro per far fronte alle loro esigenze nell’acquisto di alcool e droga.

Le minacce venivano attuate anche con l’utilizzo di coltelli ed altri arnesi e addirittura in una circostanza avevano utilizzato per le loro intimidazioni una motosega.

Gli altri figli della coppia non sono risultati in grado di proteggere i genitori dalle malefatte dei due uomini, i quali avevano ridotto i due anziani in uno stato di soggezione tale da ingenerare in loro un costante grave condizione di agitazione psicologica ed ansia, sfociato, in particolare per la madre, in un ricovero ospedaliero per crisi cardiaca. Con l’esecuzione del provvedimento di custodia cautelare in carcere si è potuto dar fine alla terribile vicenda.

La Polizia di Stato dedica una particolare attenzione ai fenomeni di violenza nei confronti delle donne, dei minori e dei soggetti che si trovano in situazioni di vulnerabilità. Gli episodi più cruenti spesso si consumano proprio all’interno delle mura domestiche e purtroppo, sovente, le vittime stesse tendono ad assumere un atteggiamento remissivo e a non voler denunciare per paura o per vergogna i soprusi subiti; a volte assuefatti dal clima di omertà che come un muro lentamente si erge all’interno del nucleo famigliare e che col passare del tempo sembra essere sempre più impenetrabile.

Proprio per distruggere queste barriere e dare innanzi tutto consapevolezza alle vittime, per poi procedere in maniera efficace alla repressione dei fenomeni di violenza, lavorano quotidianamente le donne e gli uomini della Polizia di Stato, in servizio presso le varie articolazioni degli uffici della Questura, anche mediante la costante opera  di prevenzione, attraverso iniziative come il progetto camper “Questo non è amore” contro tutte le forme di violenza di genere.

Nello stesso ambito di intervento hanno lavorato nella serata di sabato gli agenti del Commissariato di Quartu Sant’Elena, procedendo all’arresto di un 48enne, residente nella stessa cittadina, per il reato di maltrattamenti in famiglia.

In particolare, i poliziotti della Squadra Volante, su indicazione del Centro Operativo, sono intervenuti in un’abitazione dove una donna, in forte stato di agitazione, aveva richiesto l’intervento della Polizia riferendo di subire percosse da parte del compagno.

Giunti immediatamente sul posto, hanno fatto ingresso nell’abitazione, trovando, ad attenderli, la richiedente con due figli minori e il proprio compagno che è apparso fortemente agitato in evidente stato di ebbrezza alcolica.

La vittima si era assentata da casa tutta la mattina, insieme alla propria figlia minore, per recarsi presso il Commissariato, proprio per denunciare le vessazioni che da tempo subiva dal compagno.

Nel far rientro a casa, l’uomo aveva inveito verbalmente e con irruenza nei confronti della donna, dando vita anche a una colluttazione nel corso della quale le procurava delle abrasioni.

Tratto in arresto, su disposizione del P.M. di turno, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa del processo con rito per direttissima previsto per la mattinata odierna.

 

 

 

 

Add Comment