Cagliari: due spacciatori colti in flagranza e arrestati per spaccio e detenzione   di stupefacenti

Dopo pedinamenti e  controlli  è stato  arrestato davanti alla sua abitazione   Fabian Alberto Zoccheddu cagliaritano  di 19 anni pregiudicato. A seguito di  una perquisizione nel suo veicolo veniva arrestato anche Gianmario Piu  nuorese  34enne, colto anch’esso  in  flagranza di reato e accusato  di detenzione ai fin  di spaccio di sostanze stupefacenti.

 redazione

La  Squadra Mobile di Cagliari – Sezione antidroga e Falchi – nel corso dei servizi dedicati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, nelle aree cittadine maggiormente colpite dal fenomeno, dopo un’attività di osservazione e controllo, estesa anche ai comuni della area metropolitana, ha arrestato  Fabian Alberto,  ZOCCHEDDU cagliaritano  di 19 anni,    pregiudicato.

Zoncheddu è stato colto in  flagranza del reato  di detenzione ai fin i di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nell’abitazione della famiglia ZOCCHEDDU, ubicata al piano terra dello stabile di via Bosco Cappuccio a Cagliari, vi era un’intensa attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Tale attività criminosa non si era mai interrotta nonostante gli arresti eseguiti nei mesi di giugno e settembre 2017 in quell’appartamento a carico del Marco ZOCCHEDDU, padre di Fabian Alberto, attualmente sottoposto agli arresti domiciliari.

Servizi di appostamento  eseguiti nelle giornate precedenti, hanno consentito di accertare un continuo via vai di giovani che si recavano in detta abitazione ove attualmente dimora solo l’indagato.

Controllando l’ingresso dell’abitazione della famiglia ZOCCHEDDU si  notavano   scambi continui di merce imprecisata. Constatato che Fabian Alberto conduceva la sua attività anche all’esterno dell’abitazione seppur in prossimità del portoncino, le pattuglie dei FALCHI si organizzavano per fare un’irruzione immediata e bloccare Fabian all’ingresso ed evitare che venisse buttata la merce.

Si procedeva immediatamente a perquisizione si rinveniva:

  • 3 pezzi di sostanza solida resinosa di colore marrone del tipo Hashish, di circa 30 gr. e 4 bustine in cellophane  termosaldate,  contenenti  sostanza  pulverulenta  di  colore  bianco  del  tipo  COCAINA
  • Mentre in casa si rinvenivano 30 ovuli di sostanza stupefacente del tipo Hashish, rivestiti con della pellicola trasparente, aventi un peso complessivo di circa 300 grammi pronti per lo spaccio, nonché coltello e bilancino per il confezionamento delle dosi.

Nello stesso contesto operativo si ottenevano informazioni circostanziate in ordine ad un’attività di spaccio dell’hashish e della provenienza della sostanza.

Dalle acquisizioni info-investigative approfondite dalla Sezione Specializzata Antidroga si capiva che lo stupefacente seguiva un flusso che portava a Nuoro. Si riusciva nell’immediatezza ad individuare uno dei corrieri.

Dopo una fase di osservazione e pedinamento riservato si capiva che il corriere stava rientrando verso Nuoro, pertanto con le pattuglie dell’antidroga si decideva di bloccare il veicolo su cui viaggiava il corriere lungo la ss 131 prima che uscisse da Cagliari.

Dopo una perquisizione accurata del veicolo In tale ambito dopo alcuni servizi di osservazione si procedeva all’arresto di Gianmario PIu  nuorese  34enne, colto  in  flagranza di reato e accusato  di detenzione ai fin i di spaccio di sostanze stupefacenti.

 Infatti dopo la perquisizione personale, le pattuglie ritenevano le informazioni investigative fossero sicure e confermate, pertanto estendevano il controllo all’autovettura in uso all’indagato, una SEAT Leon di colore grigio-scuro, durante tale controllo Piu aveva un atteggiamento particolarmente nervoso, infatti dietro ai sedili posteriori si notava un giubbotto di colore nero, il quale avvolgeva e occultava un contenitore in plastica trasparente (con coperchio rosso) per alimenti con al suo interno una busta di colore verde con  due involucri avvolti con del nastro da pacchi, con aspetto tipico di quelli che contengono  dei panetti di hashish del peso di circa 1 Kg.

Dalla conseguente perquisizione domiciliare svolta dalla Squadra Mobile di Nuoro venivano trovati in casa circa 30 gr. di cocaina.

Add Comment