Riformatori: “Stato disastroso della sanità sarda”

I Riformatori hanno presentato questa mattina in Consiglio Regionale una mozione sullo stato disastroso della sanità e sostengono che  “Gli ospedali che scoppiano, le liste d’attesa lunghissime e il gravissimo disagio in cui lavorano gli operatori della sanità sono lo specchio dell’interminabile serie di errori fatta da questa Giunta, che ha accettato supinamente i tagli dei fondi statali e l’obbligo del pareggio di bilancio”

redazione

“Purtroppo non sarà una discussione in Consiglio Regionale che potrà porre rimedio a questi disastrosi cinque anni di gestione Arru della sanità sarda!”
Lo sostengono i consiglieri regionali dei Riformatori Michele Cossa, Attilio Dedoni e Luigi Crisponi, che hanno presentato questa mattina in Consiglio Regionale una mozione sullo stato disastroso della sanità sarda, mozione sottoscritta da numerosi consiglieri regionali.

“Gli ospedali che scoppiano, le liste d’attesa lunghissime e il gravissimo disagio in cui lavorano gli operatori della sanità sono lo specchio dell’interminabile serie di errori fatta da questa Giunta, che ha accettato supinamente i tagli dei fondi statali e l’obbligo del pareggio di bilancio, senza avere la più pallida idea delle conseguenze che questo avrebbe comportato per la nostra sanità”.

“In questi quattro anni e mezzo – continuano I Riformatori, ci sono stati soltanto roboanti proclami e finte riforme, che hanno tentato di mascherare l’unica azione condotta per davvero: caos organizzativo, demotivazione degli operatori e crollo qualitativo e quantitativo delle prestazioni, che i sardi pagano ogni giorno sulla propria pelle”.

“Il piano di riordino degli ospedali Sardi non è stato ancora approvato da Roma e le Aziende sanitarie navigano a vista, senza sapere che pesci prendere. Niente è stato fatto per rafforzare il filtro della medicina del territorio e la presa in carico della cronicità, mentre l’emergenza urgenza aspetta ancora qualche miracolo impossibile dal carrozzone dell’AREUS”.

“La vera tragedia – concludono i tre consiglieri regionali dei Riformatori- è che la sanità sarda affonda nel dramma quotidiano dei cittadini che non trovano risposta ai loro bisogni di salute, mentre L’Assessore Arru e il suo plenipotenziario Moirano girano sorridenti per convegni a raccontare favole a cui nessuno crede più!”.

Add Comment