Governo del territorio: laboratorio a Cagliari

Governo del territorio: laboratorio a Cagliari sulla semplificazione delle procedure. Incontro stamattina alla Fiera di Cagliari. Erriu: un testo unico per gli strumenti di pianificazione

di Antonio Tore

Il lungo percorso di confronto con gli amministratori locali, gli imprenditori, i cittadini e i rappresentanti di organizzazioni sindacali, associazioni ambientaliste, Università e Ordini professionali sul disegno di legge di Governo del territorio ha fatto emergere, più di altre, una criticità che unisce tutti i Comuni della Sardegna da Nord a Sud, dalle zone interne a quelle costiere: l’urgente necessità di semplificare le norme in materia urbanistica ed edilizia, soprattutto per quanto riguarda le modalità e i tempi di approvazione dei PUC. Da qui la necessità di dedicare alla semplificazione un laboratorio nel quale far confluire le proposte d’intervento da inserire nel testo del DDL.

I lavori che si sono svolti questa mattina alla Fiera Internazionale della Sardegna, a Cagliari, hanno consentito di raccogliere nuovi suggerimenti da presentare alla competente Commissione consiliare, che anche oggi era rappresentata dal presidente Antonio Solinas.
“L’approvazione dei Piani urbanistici comunali – ha detto l’assessore dell’Urbanistica Cristiano Erriu – è un concentrato di complessità procedurali, finanziarie e organizzative. Ecco perché occorre semplificare. Da parte dei professionisti, delle imprese ma soprattutto delle Amministrazioni comunali è sorta la necessità di intervenire sulle norme in direzione di una maggiore snellezza e di una riduzione dei tempi nell’approvazione degli strumenti di pianificazione (quindi dei PUC, ma anche dei Piani particolareggiati, dei Piani dei litorali e dei Piani di assetto idrogeologico). Tutti questi Piani vanno coordinati e ricondotti dentro un testo unico, con la semplificazione dei tempi e senza accanimenti pianificatori, per venire incontro alle esigenze degli operatori, delle famiglie e dei Comuni”.