Rubrica – Benessere e Bellezza: “Rimozione semipermanente senza danni”

di Rossana Sulis

Ancora oggi parliamo di cura delle unghie.

Abbiamo dedicato diversi articoli in questa rubrica, visto che il tema mani e unghie tiene banco nei periodici femminili ed il tema predomina nelle fiere di settore. Oggi chiudiamo questa lunga serie, parlando di un metodo che segna un pò una rivoluzione nell’applicazione del semipermante e segna anche un cambiamento radicale rispetto alla preoccupazione e alla convinzione, assai diffusa, che la sua eliminazione, tramite lima o fresa, o “remover” specifico, possano danneggiare la salute dell’unghia, rendendola molto più fragile e sottile.

Senza entrare nel merito, ne abbiamo parlato nell’articolo della scorsa domenica, vediamo in cosa si differenzia questo nuovo metodo.

Le unghie saranno perfette e avranno una resistenza extra e una lucentezza unica. L’applicazione è semplice: come uno smalto, si polimerizza velocemente grazie alla tecnologia LED e potrà essere rimosso con estrema facilità, semplicemente sfogliandolo, senza l’utilizzo di solventi. Questa è la grande novità! Nessuna limatura, fresatura o cubatura dell’unghia, solo rispetto dell’unghia naturale.

La rimozione risulta facile, veloce e sicura. Non è più necessario l’uso di cartine e acetone e, tantomeno di lima o fresa.

Le unghie, rimosso lo smalto, sono sane e forti, perchè la tutela della salute naturale dell’unghia è l’obiettivo primario. Se l’unghia è fragile, viene anzi rinforzata e migliora in modo evidente.

Come avviene tutto questo? E’ possibile grazie ad una membrana protettiva invisibile che viene applicata sull’unghia prima di procedere con il colore e il lucido. Inoltre, le unghie, prima dell’applicazione di questa membrana, saranno rigenerate e nutrite grazie alla stesura di un siero specifico, che le rende lucide e forti come non mai. Al tempo stesso, questa membrana favorisce prolunga la durata dello smalto semipermanente oltre le due settimane. Non più impacchi e solventi!

Finalmente un semipermanente che preserva e protegge l’unghia naturale, e la rigenera anche quando, inzialmente, fosse secca e fragile.

L’applicazione preventiva del siero, è un vero e proprio trattamento rigenerante e rinforzante dell’unghia, grazie alla cheratina, alle proteine della seta, alle vitamine e minerali in esso contenuti. Poichè si applica sull’unghia prima della membrana protettiva, per tutto il tempo della durata dello smalto (2/3 settimane) l’unghia potrà beneficiare di questo intenso trattamento rigenerante.

Il siero, assorbito rapidamente dall’unghia, favorisce la perfetta adesione della membrana ed è così che le unghie, rimossa l’applicazione, risulteranno più forti, brillanti e sane.

Quanto esposto è estremamente interessante e utile per la tutela delle nostre unghie, ma l’elemento veramente innovativo è costituito da come avviene la rimozione dello smalto. Sarà infatti sufficiente spingere con delicatezza ai bordi dell’unghia con un semplice bastoncino di legno d’arancio, esercitando una leggera pressione sulla membrana applicata sotto lo smalto e, voilà, il gioco è fatto: rapidamente, senza traumi e, come già detto, l’unghia apparirà bella, sana e nutrita come non mai. E, magia delle magie, sarà possibile rimuoverlo, in caso di necessità anche a casa!

Non più unghie rovinate o macchiate:  l’applicazione può essere tranquillamente eseguita anche nei casi in cui fosse sconsigliato l’uso del semipermanente per evitare il contatto diretto con i prodotti preparatori o quelli per la rimozione.

E, per concludere, godiamoci mani e unghie curate, senza timori o incertezze.

La prossima settimana inizieremo a parlare del viso, luoghi comuni e pregiudizi.