Spacciava a Frutti d’Oro: arrestato un giovane che ha anche opposto resistenza

La Polizia di Stato ha arrestato Michele Giovanni Zaccheddu, cagliaritano di 25 anni, accusato di “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a P.U.”

redazione

 

Nell’ambito del contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, gli Agenti della Squadra Mobile – Gruppo Falchi – nel tardo pomeriggio di ieri hanno portato a termine un’operazione lampo nella località di Frutti d’Oro. Gli investigatori avevano avuto notizia che nella frazione di Capoterra, precisamente all’altezza dell’incrocio con la SS 195, si sarebbe trovato un giovane intento a svolgere un’intensa attività di spaccio in favore dei residenti e dei turisti.

È stato quindi predisposto un servizio di osservazione dove gli operatori hanno potuto vedere che il ragazzo indicato, una volta avvicinato dagli acquirenti, saliva in auto con loro e raggiungeva la sua abitazione poco distante, per poi fare rientro nel luogo dove era solito sostare.

Gli Agenti hanno atteso il momento più favorevole per bloccare il ragazzo, ovvero subito dopo aver ceduto della sostanza ad un cliente. Gli attimi concitati del fermo avrebbero visto una forte reazione del Zaccheddu, che si sarebbe scagliato contro gli operatori nel tentativo di sottrarsi all’arresto, ma è stato bloccato e messo in condizioni di non nuocere.

I poliziotti hanno anche rinvenuto, dentro il suo portafogli, la somma di 660 € suddivisa in banconote di diverso taglio, mentre nel giardino di casa, posta alla base di una siepe e occultati dentro una busta di plastica, sono stati trovati un bilancino di precisione funzionante, 85 dosi di cocaina, 74 di hashish, nonché una bustina di marijuana, per un totale di oltre 200 gr. di sostanza stupefacente.

Zaccheddu è stato, quindi, arrestato con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a PU e, dopo le formalità di rito, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura in attesa dell’udienza prevista nella mattinata di oggi.