Salvini e Di Maio contro Ue: “Pronti a tagliare 20 miliardi”

Salvini: “Se i governi precedenti erano abituati a pagare, tacere, ingoiare, problemi loro”

Agenzia Dire – www.dire.it

ROMA – “Per quel che mi riguarda non sbarca più nessuno. L’Italia ha già dato”. Così il ministro Matteo Salvini a Zapping su Radio 1, riguardo i 150 migranti della nave Diciotti bloccati da giorni  sull’imbarcazione nel porto di Catania.

“Se i governi precedenti erano abituati a pagare, tacere, ingoiare, problemi loro”, attacca. Il contributo di 20 miliardi che l’Italia versa al bilancio europeo “possiamo diminuirlo in quota parte per quel che l’Italia non fa o per quel che danneggia l’Italia. E non parlo solo di immigrazione ma anche per quel che riguarda l’agricoltura e le banche”.

Sulla stessa linea anche il vicepremier Luigi Di Maio, che su Facebook scrive: “Il MoVimento 5 Stelle si è presentato agli italiani con una missione ben precisa e non abbiamo alcuna intenzione di fare passi indietro. L’unione Europea non vuole ottemperare ai principi concordarti nell’ultimo consiglio europeo? Noi siamo pronti a tagliare i fondi che diamo all’Unione Europea”.

“Vogliono 20 miliardi dei cittadini italiani? Dimostrino di meritarseli e si prendano carico di un problema che non possiamo più affrontare da soli. I confini dell’Italia sono i confini dell’Europa. Agli italiani non chiederemo un centesimo di più. Lo dico da capo politico del Movimento 5 Stelle, visto che la Ue non rispetta i patti e non adempie ai suoi doveri, noi come forza politica non siamo più disposti a dargli i 20 miliardi all’anno che pretendono”, conclude.