Rubrica: “Benessere e Bellezza” – Semipermanente con membrana

di Rossana Sulis

 

Certamente avere le unghie curate, con uno smalto che le mette in evidenza, è decisamente un elemento di seduzione, ci fa sentire più belle e attraenti ed è veramente difficile sottrarsi alla tentazione.

Ma…c’è un grande MA: infatti dopo aver fatto per mesi se non per anni lo smalto semipermanente o il gel, quando vogliamo rimettere in mostra la nostra unghia, lasciandola al naturale, spesso il loro aspetto non è molto piacevole.

Altro fattori possono influire sull’aspetto dell’unghia: la naturale fragilità dell’unghia, dovuta a carenze o utilizzo di sostanze aggressive o detergenti senza far uso di guanti. Questo fattore diventa un aggravante ed espone le unghie ad ulteriore danno e fragilità.

E, allora cosa fare e come aiutare l’unghia a ritrovare il suo aspetto sano e forte?

Per fortuna le soluzioni per ripararle sono diverse con ottimi risultati, tuttavia è sempre richiesto che per qualche mese dobbiamo rinunciare alla nostra tentazione preferita, rimettere lo smalto.

Vediamo cosa il mercato della cosmesi ci propone per ridare luce e naturale bellezza alle nostre unghie e poterle presentare al tempo stesso belle, curate e smaltate!!! Ma come???

Qualche settimana fa abbiamo parlato di una metodica piuttosto innovativa per poter continuare a fare lo smalto semipermanente anche quando le unghie attraversano una fase piuttosto critica. E, se ricordiamo bene, abbiamo anche promesso che la avremo provata per voi.

Bene eccoci pronte a rendervi conto di questa esperienza e se si è dimostrata valida come promesso dalla pubblicità.

Rivediamo insieme passo, passo, le varie sequenze di questa applicazione, iniziando dalle quattro fasi della preparazione. La fase della scelta e applicazione della membrana è divertente come un gioco.

FASE a) – preparazione:

1) Disinfettare le unghie con apposito spray.

2) Preparare al meglio le unghie con una accurata manicure tradizionale; spingere le cuticole, limare le unghie dando loro la forma come desiderato dalla cliente, e ripulire bene, se necessario, gli angoli, evitando per quanto possibile l’uso delle tronchesine. Riapplicare lo spray terminata la fase di preparazione.

3) Applicare con apposito pennellino il siero rigenerante e ristrutturante dell’unghia.

4) Lucidare le unghie utilizzando apposita lima, dotata di due differenti superfici estremamente leviganti e lucidanti.

FASE b) – applicazione della membrana Vital Skin*:

1) Le unghie sono finalmente pronte all’applicazione della membrana, che costituisce il tema centrale di questo nostro articolo. Estremamente sottile e flessibile, la membrana aderisce perfettamente alla superficie dell’unghia. Grazie ad essa, anche un’unghia danneggiata e rigata offre la base ideale per l’applicazione e la durata del semi-permanente. Questa manicure permette all’unghia di non venire in contatto con sostanze chimiche che potrebbero danneggiarla. E’ importante individuare la misura perfetta per ogni unghia, così da garantire un risultato perfetto a lavoro concluso.

Le membrane sono di dieci differenti misure e si dovrà individuare quella giusta per ogni singola unghia. Completata questa operazione, (la prima volta richiede un pò più di tempo), si memorizza ogni singola misura su una tesserina con la forma di due mani.

2) Applicazione semi-permanente – si applica direttamente sulla membrana senza ulteriore preparazione, avendo l’accortezza di sigillarne bene tutto il suo profilo per garantire un’ottima tenuta ed evitare che possa infiltrarsi acqua tra membrana e unghia.

3) Il passaggio successivo alla stesura dello smalto semi-permanente sarà farlo asciugare normalmente con una lampada a LED.

4) Il lavoro si chiude con il consueto Top, il prodotto finale, che darà il tocco finale di luminosità e tenuta per 2/3 settimane.

 

Ed ecco il nostro feedback!

Il risultato è perfetto come dopo una qualsiasi altra applicazione e così la sua durata. Se poi si pensa che potremmo toglierlo senza dover fresare o limare l’unghia, ma semplicemente scalzando agli angoli la membrana e poi sollevandola, con un bastoncino di legno d’arancio o uno spingi cuticole sembrerà veramente una magia. Niente più drammi se lo smalto dovesse sbeccarsi e non possiamo ricorrere all’aiuto dell’estetista. Dà un grande sensazione di libertà e le nostre unghie avranno la possibilità di riprendersi.

*In merito a questa metodica relativa all’applicazione e scelta della membrana, vi invitiamo a leggere l’articolo, dal titolo – Rimozione del semipermanente senza danni – pubblicato in “Comuni24ore” alla rubrica benessere e bellezza.