Apre giovedì 4 ottobre a Cagliari il IV Festival Internazionale Arpe dal Mondo

Parte dal Bflat di via del Pozzetto a Cagliari il IV Festival Internazionale Arpe dal Mondo. L’appuntamento è fissato per giovedì 4 ottobre. Alla presentazione all’exArt era presente l’assessore comunale Paolo Frau che ha assicurato un maggior sostegno dell’amministrazione alle prossime edizioni

di Antonio Tore

Sarà il suono armonico delle 47 corde pizzicate con sapienza dagli artisti provenienti Croazia, Ucraina, Venezuela, Egitto e Turchia a risuonare forte a Cagliari giovedì 4 ottobre. Parte dal Capoluogo, nello specifico al jazzaclub Bflat al civico numero 9 di via Del Pozzetto alle 21,30 la seconda parte del IV Festival Internazionale Arpe dal Mondo.

Alla presentazione di stamattina all’exArt in piazza Dettori, non è voluto mancare l’assessore Paolo Frau. “Il Festival – ha rimarcato il titolare della Cultura –  ha un’innata capacità di regalare alla città, ai suoi abitanti e ai visitatori, momenti di grande bellezza“. E pensando alla prossima edizione, ha poi annunciato maggiore sostegno da parte dell’Amministrazione comunale.

“L’esordio di giovedì prossimo al Bflat – svela Raul Moretti che cura la direzione artistica della kermesse – sarà costituito da uno straordinario concerto diviso in tre parti”. Ad aprire la serata “la performance del trio formato da Tajana Vukelic all’arpa, Kosjenka Turkulin al pianoforte e Srdjan Peic al corno, con un programma incentrato su brani di autori croati, in una rilettura di musiche popolari in chiave classica”. Sarà poi la volta dell’assolo dell’arpista ucraino-polacca Alina Bzhezhinska Lazorkina e infine chiuderà il concerto inaugurale il trio venezuelano A Contratiempo.

Tra concerti e workshop, sono quattro le giornate in cui si snoderà il Festival, da Sud a Nord della Sardegna. Oltre l’apertura cagliaritana del 4, il 5 ottobre alle 21 farà tappa a Macomer (Centro Servizi Culturali, viale Gramsci), il 6 alle 20,30 a Carloforte (Teatro Mutua) e nella stessa giornata a Sassari sempre alle 20, 30 (Il vecchio Mulino, via Frigaglia 5).

Per la chiusura si tornerà invece a Cagliari: il 7 ottobre, alle 21, la Sala Aresu dell’Hotel Regina Margherita nel viale Regina Margheritaduplice ospiterà il appuntamento con il Manal Mohei Eldin Group e Arpanatolia. Sul palco Manal Mohei Eldin all’arpa, Alaa Abdallah al violoncello elettrico, Hany Elbadry al nay, Hisham Kamal alle percussioni e Shady Abdel Salam al violino. Infine riflettori puntati su Arpanatolia, il progetto multimediale di Çağatay Akyol, Ferhat Erdem e Cemal Ozkiziltaş che racconta attraverso musica e immagini la tradizione millenaria dell’Anatolia. L’ensemble turco approda sull’Isola con il suo originale sound che mescola l’arpa e le percussioni, gli strumenti tradizionali a fiato come kaval, ney e sipsi e lo strumento a corde, la cura.

Presenti all’incontro con gli organi di stampa anche Carlo Erriu, Ente Concerti Città di Iglesias, e Valeria Ciabattari di CeDAC.