Assemini: presentazione nuovo libro di Paolo Di Paolo

Paolo Di Paolo presenta “Vite che sono la tua” domani, giovedì 4 ottobre, ad Assemini. Appuntamento in Piazza San Giovanni alle 20.30

di Antonio Tore

Sveste i consueti panni di scrittore, Paolo Di Paolo, per indossare quelli di lettore appassionato in Vite che sono la tua (Laterza, 2017), il suo ultimo libro, che presenterà giovedì 4 ottobre ad Assemini nel prossimo appuntamento del festival letterario diffuso Éntula, organizzato dall’associazione culturale Lìberos. Lo scrittore romano ci consegna un percorso di lettura all’ interno di una biblioteca ideale, fatta di oltre cento romanzi, nella convinzione che i libri non rendono migliori, ma offrono molte possibilità, tra le altre non essere solo se stessi, e non vivere solo il proprio tempo e la propria storia. L’appuntamento è in Piazza San Giovanni alle 20:30 con Renzo Caredda. In caso di maltempo, l’evento si terrà nell’ex municipio, in piazza San Pietro.

Vite che sono la tua (Laterza, 2017). A volte, da un romanzo, riporti anche solo una frase, un’intuizione, una cosa che ignoravi. A volte, anche solo una visione o un gesto. Altre volte, una storia che somiglia alla tua. Da Tom Sawyer al giovane Holden, da Jane Eyre a Raskòl’nikov e ai personaggi di Roth, la magia dei grandi libri, guide strane, insolite, spiazzanti. Leggendo possiamo vivere il non ancora vissuto e il mai vivibile, dichiararci a qualcuno con un coraggio mai avuto, percepire un dolore che somiglia al nostro o solo sapere che esiste. Perché la letteratura ci racconta. La sorpresa del crescere, le sfide, la scoperta del desiderio, l’amore, le ambizioni, le illusioni – magari perdute; la voglia di andare lontano o di tornare a casa; la paura di invecchiare e tutte le paure, ma anche tutte le speranze.

Paolo Di Paolo (1983) a vent’anni invia un racconto al Premio Campiello Giovani, arrivando tra i cinque finalisti nazionali. Fu inserito in una raccolta inedita – Nuovi cieli, nuove carte – che partecipò al Premio Italo Calvino per l’inedito nello stesso anno, arrivando finalista e fu pubblicato da Edizioni Empirìa nel 2008. Ha pubblicato i romanzi Raccontami la notte in cui sono nato (2008, prima edizione Giulio Perrone Editore), Dove eravate tutti (2011, Premio Mondello e Super Premio Vittorini) e Mandami tanta vita (2013, Premio Salerno Libro d’Europa, Premio Fiesole Narrativa e finalista Premio Strega), nel catalogo Feltrinelli e tradotti in diverse lingue europee. Molti libri sono nati da dialoghi: con Indro Montanelli, a cui ha dedicato Tutte le speranze (2014, Premio Benedetto Croce), con Antonio Debenedetti, Dacia Maraini, Raffaele La Capria, Antonio Tabucchi, Nanni Moretti. Ha pubblicato, tra gli altri, Ogni viaggio è un romanzo (2007) Una storia quasi solo d’amore (2016) e Tempo senza scelte, uscito per Einaudi nel 2016. Ancora, per i bambini La mucca volante (2014, finalista Premio Strega Ragazze e Ragazzi), per il teatro Istruzioni per non morire in pace (2015). Scrive sulle pagine culturali di diversi quotidiani e settimanali.