Tiscali: l’azienda apre ai sindacati sul piano industriale

Nuovo vertice al Mise a Roma  sull’accordo con Fastweb. Ortega (UILCOM Sardegna): “Primo passo per la gestione di questa vertenza”

redazione

Si è svolto oggi al Ministero dello Sviluppo Economico un nuovo vertice sul closing dell’accordo tra Tiscali e Fastweb e sul piano industriale di Tiscali. Il closing dell’accordo tra Tiscali e Fastweb, perfezionato lo scorso 16 novembre, porterà complessivamente nelle casse dell’azienda sarda 198 milioni di euro, di cui 50 già versati a novembre 2018 e il restante entro il 2019.

“E’ un primo passo per la gestione di questa vertenza che riguarda tanti lavoratori sardi”, ha spiegato il segretario Generale della UILCom Sardegna Tonino Ortega al termine dell’incontro.

“Apprezziamo molto la volontà dell’azienda di voler mantenere aperto il dialogo con il sindacato per lo sviluppo del piano industriale. Il piano di Tiscali presentato dall’amministratore delegato dott.  Alex Kossuta verterà sugli ampliamenti della base clienti sui servizi Fibra, LTE e mobile.

L’80% dei 198 milioni dell’accordo con Fastweb verrà usato per il rilancio dell’azienda compreso il pagamento di fornitori che servono per andare avanti con questi nuovi progetti.  L’azienda – ha continuato Ortega – ha comunicato che qualsiasi soluzione riguardante l’occupazione presupporrà un percorso comune con le organizzazioni sindacali.

Come UilCom Sardegna abbiamo chiesto di mantenere aperto il tavolo istituzionale presso la Regione Sardegna apprezzando la presenza della regione con l’on. Comandini. Non possiamo dunque che apprezzare il fatto che l’azienda voglia mantenere aperto il dialogo con il sindacato per lo sviluppo del piano industriale”.