Macomer: arrestato un palestinese che progettava di avvelenare la rete idrica

L’uomo avrebbe avuto intenzione di avvelenare falde acquifere, serbatoi e acquedotti con un pesticida acquistato via internet. Fermato su un furgone, è stato rinchiuso a Badu’e Carros

redazione

 

Alaji Amin, 38enne di origine palestinese, in Sardegna  con permesso di soggiorno, è stato arrestato stamattina a Macomer dagli uomini dei Nocs (Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza).

I militari lo hanno bloccato mentre transitava su un furgone, dopo averlo pedinato a lungo prima di intervenire.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, il palestinese, senza sapere di essere osservato e seguito, sembra avesse intenzione di costruire un ordigno chimico biologico per avvelenare acquedotti, falde acquifere e serbatoi e per questo motivo aveva cercato di acquistare un pesticida via internet.

I militari stanno procedendo alla perquisizione della sua abitazione per capire se agisse da solo o fosse in contatto con altri terroristi.