Una foto per l’ambiente. Al via il  contest fotografico #SardiniaWetlands

 Nell’ambito del Progetto MARISTANIS sulla Gestione Integrata delle Zone Umide e Costiere del Golfo di Oristano, in occasione della Giornata Mondiale delle Zone Umide, la Mediterranean Sea and Coast Foundation (MEDSEA) promuove il CONTEST FOTOGRAFICO sul social network Instagram #SardiniaWetlands, coordinato dall’Associazione Fotografi Naturalisti Italiani – Sezione Sardegna (AFNI).

 di Alessio Atzeni

Una foto per l’ambiente. Un contest fotografico per sensibilizzare i giovani alle tematiche ambientali e divulgare immagini sulle zone umide della Sardegna.

 È l’iniziativa promossa da AFNI e MEDSEA, in occasione della Giornata Mondiale sulle Zone Umide che si celebra il 2 Febbraio 2019. Oltre al Contest, il World Wetland Day avrà in programma dibattiti, visite guidate, passeggiate ecologiche nei siti dell’oristanese, che rientrano nel progetto di cooperazione internazionale Maristanis: 7.700 ettari di zone umide e quasi 25mila ettari di mare protetto dell’Area Marina Protetta Penisola dei Sinis – Isola di Mal di Ventre.

 Chi può partecipare. Il concorso fotografico è riservato a tutti gli studenti iscritti alle scuole superiori di secondo grado della Sardegna in possesso di un account Instagram. La foto, scattata con lo smartphone o con una macchina fotografica, dovrà rappresentare le zone umide della Sardegna, così come descritte nella Convenzione di Ramsar sulle Zone Umide di Importanza Internazionale.

Ai sensi della Convenzione, le zone umide ricomprendono «le paludi e gli acquitrini, le torbe oppure i bacini, naturali o artificiali, permanenti o temporanei, con acqua stagnante o corrente, dolce, salmastra, o salata, ivi comprese le distese di acqua marina la cui profondità, durante la bassa marea, non supera i sei metri».

Attraverso la tutela delle wetlands viene garantita la conservazione dei più importanti ecosistemi “umidi”, le cui funzioni ecologiche sono fondamentali, sia come regolatori del regime delle acque, sia come habitat di una particolare flora e fauna.

La foto, in bianco e nero o a colori, potrà immortalare la flora, la fauna o il paesaggio delle zone umide, siano esse di carattere antropico o naturale (torri, dune costiere, peschiere ecc.). Ogni candidato può partecipare con un’unica fotografia che dovrà essere accompagnata dai seguenti hashtag: #SardiniaWetlands #MARISTANIS #WorldWetlandsDay #MEDSEA #AFNI e riportare il nome della località e la data in cui la foto è stata scattata.

La giuria. Le fotografie verranno valutate da una giuria appositamente predisposta composta da: il Coordinatore Regionale dell’AFNI, il Responsabile del Progetto Maristanis, un delegato della sezione Provinciale della LIPU, un delegato dell’Associazione Culturale 3DNA.

Premi. Al primo classificato andrà un attestato ricordo, una fotocamera Marca Sony, Modello DSC-HX350, un libro fotografico sui fiumi d’Italia edito dall’AFNI e un abbonamento annuale alla rivista di fotografia naturalistica ASFERICO.

Al secondo classificato andrà un attestato ricordo, un binocolo Marca Nikon, Modello Optics Prostaff 3S 8×42, un libro fotografico sui fiumi d’Italia edito dall’AFNI e un abbonamento annuale alla rivista di fotografia naturalistica ASFERICO.

Al terzo classificato, che sarà l’autore che avrà raggiunto il più alto consenso da parte del pubblico di Instagram, andrà un attestato ricordo, un binocolo, Marca K&F Modello Optics 10×42 un libro fotografico sui fiumi d’Italia edito dall’AFNI e un abbonamento annuale alla rivista di fotografia naturalistica ASFERICO.

La cerimonia di premiazione si terrà il 2 o il 3 febbraio 2019 in occasione della Giornata Internazionale delle Zone Umide.

Come partecipare. Per la partecipazione al Contest è necessario compilare il modulo di iscrizione ed inviarlo, assieme ad una copia dell’immagine caricata su Instagram, all’indirizzo afni.sardegna@gmail.com entro la data di scadenza fissata per il giorno 6 gennaio 2019.

È possibile scaricare modulo di iscrizione e regolamento all’indirizzo:

http://www.maristanis.org/

Add Comment