A Cagliari musica nei mercati civici

Nella prima delle giornate di apertura straordinaria durante il periodo delle feste di Natale e fine anno, i mercati civici hanno accolto, oltre i visitatori e clienti, i musicisti del Teatro Lirico e il gruppo di ensemble al femminile “Su Cuntzertu Antigu”

di Antonio Tore  

I mercati civici di Cagliari si sono animati, stamattina, da varie musiche che hanno accompagnato i clienti durante gli acquisti.

E mentre a S. Benedetto sono risuonate le note dell’ensemble Trame sonore, con Francesca Viero (oboe), Lucio Casti (violino), Maria Cristina Masi (viola) e Karen Hernandez (violoncello, negli altri mercati civici (Via Quirra, Sant’Elia e Is Bingias di Pirri) è stato il quartetto “Su Cuntzertu Antigu” ad allietare clienti e visitatori.

Quest’ultimo è il primo ensemble musicale, un quartetto al femminile che utilizza  tradizionali strumenti sardi e si esibisce su diversi palcoscenici, anche all’estero.

Il gruppo è nato dall’incontro di quattro studentesse dell’Università di Cagliari, accomunate dalla passione per la tradizione unitamente agli strumenti ed ai costumi della tradizione sarda e dal motto che è diventato il loro stile: “La vita senza musica è come un corpo senz’anima”,

Così, Myriam Costeri di Gavoi, si è fatta promotrice della formazione del gruppo musicale, portando la propria conoscenza dei suoni prodotti dall’organetto diatonico e dal pipiolu (uno zufolo pastorale) , strumenti che imparò a suonare fin da bambina grazie all’aiuto di un anziano suonatore del suo paese.

Le altre sue compagne in questo viaggio musicale nella tradizione sarda suonano Angelica Fadda il tumbarinu, Daniela Addis il triangolo e voce e Federica Lecca le launeddas, fatto, quest’ultimo, che rappresenta una eccezione al fatto che lo strumento normalmente è utilizzato solo da suonatori maschi.

Tra i banchi del mercato civico di Pirri i clienti hanno molto apprezzato la novità, pur nella tradizione, della musica portata dal gruppo e hanno riservato calorosi applausi alle quattro ragazze.

 

GUARDATE IL VIDEO