Atto intimidatorio sindaco di Esporlatu, Ganau: “Il Governo deve stabilire una strategia d’azione, intervenga  il ministro dell’Interno Salvini”

Il presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau esprime la sua personale vicinanza e quella dell’Assemblea sarda al primo cittadino di Esporlatu, Francesco Giuseppe Furriolu, vittima questa notte di una nuovo atto intimidatorio

redazione

«La solidarietà non può e non deve mai mancare perché gli amministratori locali devono sapere che il Parlamento sardo è vicino e non soltanto a parole a chi ogni giorno democraticamente esercita le funzioni per cui è stato eletto».

Il presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau esprime la sua personale vicinanza e quella dell’Assemblea sarda al primo cittadino di Esporlatu, Francesco Giuseppe Furriolu, vittima questa notte di una nuovo atto intimidatorio.

«La Regione ha in questi anni fatto la sua parte per provare a contrastare un fenomeno emergenziale – aggiunge Ganau – attivando in ormai quasi tutti i comuni della Sardegna la rete di videosorveglianza e programmando azioni utili al contrasto dell’illegalità. Tutto questo non è evidentemente sufficiente se chi commette azioni di questo tipo, continua a rimanere impunito. Mi associo a quanto dichiarato dal consigliere e primo cittadino di Bottida, Daniele Cocco, ribadendo che lo Stato, o meglio il Governo deve ora stabilire una strategia e passare dalle parole ai fatti: chiudere la caserma dei Carabinieri e la scuola di polizia interforze a Burgos non aiuta certamente a sostenere le forze dell’ordine nelle indagini. Chiediamo al vicepresidente del Consiglio, nonché ministro dell’Interno Matteo Salvini – conclude il presidente Ganau – di occuparsi seriamente di quanto sta accadendo in Sardegna, esercitando sino in fondo il ruolo che l’incarico che ricopre gli impone».

 

 

Add Comment