Il Comune di Cagliari a Roma per il lavoro agile

La sperimentazione entra nella fase operativa a gennaio, entro il 2019 un centinaio i dipendenti coinvolti

di Antonio Tore

Il Comune di Cagliari ha partecipato alla giornata sul lavoro agile, organizzata a Roma dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri con la ministra Giulia Bongiorno e le amministrazioni pubbliche che partecipano al progetto pilota nazionale.

A illustrare l’esperienza di Cagliari l’assessore agli Affari Generali e al Personale Danilo Fadda: “L’adesione al progetto smart working», spiega, «costituisce una nuova sfida per il nostro Comune, che potrà svolgere nell’Isola un ruolo da apripista per tutte le amministrazioni pubbliche e per le aziende private. I benefici del lavoro agile sono diversi: aumentano l’efficienza e la produttività e si migliora la qualità della vita dei dipendenti”.

All’interno del Comune di Cagliari la sperimentazione dello smart working è entrata nella fase operativa: “A partire da gennaio i primi dipendenti dell’Amministrazione inizieranno ad utilizzare questo innovativo metodo di lavoro che darà loro una maggiore flessibilità, con la possibilità di scegliere per alcuni giorni della settimana gli orari, i luoghi e gli strumenti da utilizzare nello svolgimento dell’attività lavorativa a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati da ottenere”.

Avviata questa fase iniziale, entro l’anno saranno un centinaio i dipendenti comunali che utilizzeranno questa nuova modalità di lavoro, cui si aggiungono coloro per i quali è già attivo il telelavoro.

“Nel corso dei lavori”, conclude l’assessore Fadda, “il Comune di Cagliari ha avanzato la propria candidatura come sede per la realizzazione di una delle prossime giornate nazionali dedicate al lavoro agile”.

Add Comment