L’altro Capodanno in Sardegna

Non tutto fila liscio e in allegria: incidente mortale ad Armungia, rissa a Villasor con un ferito, un anziano scomparso a Gonnoscodina e un passante morto a Quartu Sant’Elena tra i fatti di cronaca accaduti a cavallo del nuovo anno

 

di Antonio Tore

 

Mentre nelle piazze della Sardegna si festeggiava in allegria il termine dell’anno e l’inizio del 2019, alcuni episodi tragici si sono verificati nell’isola.

 

Un incidente stradale, con esito mortale, si è verificato ad Armungia, dove  un allevatore 44enne è precipitato con la su auto in una zona di montagna.

Secondo la prima ricostruzione, l’uomo, probabilmente, si stava dirigendo verso il proprio ovile, quando l’auto, per cause in via di accertamento, è precipitata in località Su Crobu dove sono intervenuti, a seguito della segnalazione di un passante, i vigili del fuoco di San Vito e i Carabinieri.

I militari indagano per accertare l’esatta dinamica dell’accaduto.

 

A Gonnoscodina, invece, proseguono anche oggi le ricerche dell’anziano scomparso ormai da venerdì mattina. Nelle campagne dei dintorni sono alla sua ricerca, oltre ai Vigili del Fuoco di Oristano ed Ales, anche il Soccorso Alpino e Speleologico, il Corpo Forestale, nonché semplici volontari.

 

A Villasor si è sfiorata la tragedia durante il cenone.

Il gestore dell’esercizio, dopo aver servito delle birre a tre nordafricani, è dovuto intervenire per far cessare pesanti apprezzamenti dei tre nei confronti di una cantante di karaoke che si stava esibendo nel locale.

I tre stranieri hanno reagito rovesciando tavoli e sedie e rompendo bottiglie. M.S. è stato colpito ripetutamente con pugni che gli hanno causato, oltre a varie escoriazioni, anche un taglio  vicino all’occhio sinistro.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri che hanno arrestato uno dei tre aggressori, mentre gli altri due sono riusciti a far perdere le loro tracce.

 

Il pensionato che alcuni giorni fa è stato trovato a terra nella via Fiume a Quartu Sant’Elena, è morto in ospedale, a Cagliari, dove era stato ricoverato.

Il magistrato ha disposto la perizia necroscopica per accertare la causa del decesso. Alcuni testimoni dicono che l’uomo potrebbe essere inciampato in un tombino aperto, che, tuttavia, sembra fosse distante circa due metri dal luogo in cui è stato trovato l’uomo agonizzante.

 

 

Add Comment