Salvini a Cagliari, Quartu Sant’Elena, Oristano e Alghero

“Battisti starà in carcere tutta la vita”. “Obiettivo zero sbarchi”. Tornano i cavalli di battaglia del vicepremier. Grande folla presente ai suoi interventi

di Antonio Tore

 

La giornata di Salvini in Sardegna si è aperta con un incontro in Prefettura per discutere di ordine pubblico e sicurezza. Alla riunione il ministro ha incontrato anche Massimo Zedda, nella qualità di Sindaco del capoluogo.

Durante varie interviste, in  cui ha riaffermato le proprie idee su sicurezza e migranti (“obiettivo zero sbarchi”), Salvini si è recato al mercato di Quartu Sant’Elena dove ha dovuto sottostare al rituale di foto e selfie con tantissimi cittadini presenti. Le sue dichiarazioni hanno ricalcato quanto afferma sempre, con una variante studiata per strappare gli applausi dei presenti: “Per me vengono prima i sardi e poi il resto del mondo”.

Il tour di Matteo Salvini in Sardegna prosegue a Oristano e, successivamente, ad Alghero.

Oristano è stata l’occasione per parlare dell’arresto di Cesare Battisti e della decisione di detenerlo nel carcere di Massama: “State tranquilli, non lo vedrete in giro in città, perché starà chiuso in cella fino alla fine dei suoi giorni”.

Per quanto riguarda il problema degli immigrati, che tocca anche la Sardegna con gli sbarchi soprattutto di algerini, Salvini ha affermato che lo Stato “ha dimezzato quelli in Sardegna, ma l’obiettivo del Governo è arrivare a zero sbarchi”.

Nel pomeriggio il leader leghista è atteso ad Alghero, dove concluderà il suo tour in Sardegna.