Irruzione in un circolo privato a Cagliari: ritrovati cocaina, denaro e due slot machine irregolari

Operazione del Gruppo Falchi della Squadra Mobile di Cagliari in via Monfalcone a Cagliari nei confronti di un circolo privato dove era stato segnalato una notevole attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Era presente anche un impianto di video sorveglianza all’esterno

redazione  

La Polizia di Stato, nell’ambito di mirati servizi finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti in ambito cittadino, ha arrestato O.M, 41enne, pregiudicato e M.C., 44enne, entrambi cagliaritani, resisi responsabili del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti  in concorso.

I poliziotti del Gruppo Falchi della Squadra Mobile, da fonti info-investigative, hanno appreso che nel circolo privato “Ventitres” in Via Monfalcone a Cagliari, era in atto un’intensa attività di spaccio.

Nella serata di ieri intorno alle ore 23:20, nel corso di un servizio di osservazione, gli investigatori hanno riscontrato che all’interno del circolo si introducevano continuamente dei soggetti i quali, dopo essersi trattenuti per pochi istanti, si allontanavano velocemente a piedi.

A questo punto i poliziotti si sono avvicinati alla porta di ingresso e, dopo aver atteso che dall’interno la stessa venisse aperta, hanno tentato di accedervi.

Un individuo, identificato poi per M.C., chiudeva celermente la porta urlando “La Polizia”, consentendo la fuga agli avventori del circolo. Gli investigatori hanno allora fatto irruzione nel locale immobilizzando il 44enne, mentre O.M. veniva inseguito e bloccato in una stanza attigua al bancone bar mentre tentava di disfarsi di un involucro in cellophane spargendone il contenuto in un freezer, cosa che ha permesso di recuperare solo 7 grammi di cocaina mischiata al ghiaccio.

Dalla perquisizione nel locale, in un piano di lavoro, gli Agenti hanno rinvenuto un involucro contenente cocaina per un peso di circa 21 grammi e un secondo involucro contenente sostanza da taglio per un peso di circa 6 grammi, E’ stata ritrovata, inoltre,una scatola contenente 421 euro, mentre altri 1.115 euro erano sparsi su un piano. All’interno di un borsello, è stata rinvenuta anche la somma di 465 euro.

Nello stesso ambiente è stato anche rinvenuto tutto l’occorrente per il confezionamento in dosi dello stupefacente.

La Polizia ha rilevato che il circolo era inoltre dotato di impianto di video sorveglianza esterna con relativi schermi a cui era collegato un videocitofono.

Gli accertamenti eseguiti subito dopo hanno permesso di constatare la presenza di due apparecchi elettronici da divertimento irregolari, non conformi a quanto previsto dalla normativa vigente in quanto non collegati alla rete di Stato. Per questo motivo è stata comminata una sanzione di 13.666 euro e disposto il sequestro delle slot e della somma in essi contenuta pari a circa 900 euro.