A Carbonia un film sulla ricerca delle proprie radici e memoria dell’Africa

redazione

L’associazione Sunugaal, in collaborazione con il circolo ARCI “La Gabbianella” e Casa del Popolo
organizza la proiezione del film “SOLEILS” di Olivier Delahaye, Dani Kouyaté.

La proiezione avverrà sabato 9 marzo ore 18 alla Casa del Popolo, via Barbagia 11,Carbonia

Seguirà un dibattito con Kilap Gueye( Sunugaal). Interverrà Marco Corrias (Arci Gabbianella)

LA SINOSSI
Dall’impero mandingo del tredicesimo secolo alla prigionia di Mandela. Per curare una giovane ragazza affetta da una misteriosa amnesia, un vecchio saggio la conduce in un suggestivo viaggio alla ricerca delle proprie radici e nella memoria di un continente, costellato di incontri con grandi personaggi, reali o finzionali – le ‘luci’ del titolo, da Sundjata Keïta a Leopoldo II, da Voltaire a Tierno Bokar – che ne hanno segnato la storia e la cultura.

IL REGISTA
Dani Kouyaté, nato il 4 Giugno 1961 in Bobo Dioulasso, Burkina Faso e figlio del celebre attore, drammaturgo e griot africano Sotigui Kouyaté. Frequenta l’Istituto Africano di Studi Cinematografici e ottiene nel 1985 il diploma in regia. Prosegue gli studi a Parigi, dove consegue un diploma e un master in Estetica del cinema e un diploma all’École International d’Anthropologie. Realizza nel 1988 il suo primo cortometraggio, Bilakoro, e nel 1995 il lungometraggio d’esordio Keïta. L’artista africano vive in Svezia, produce i suoi film in Francia, e li realizza in Africa. E’ erede di una tradizione orale, i griot, che gli ha insegnato a raccontare storie e tramandare i valori del suo popolo. Suo padre è stato il primo attore moderno del Burkina Faso. Il suo lavoro artistico è segnato dalla ricerca della autenticità.

Add Comment