Serri (Sud Sardegna): Il  Santuario di Santa Vittoria segno della grande  religiosità che riuniva tutti i nuragici   

Il Santuario Nuragico Federale di Santa Vittoria, immerso in un habitat di notevole interesse naturalistico, domina dalla Giara di Serri il territorio circostante, dal quale è possibile volgere lo sguardo ai variegati paesaggi del Sarcidano, Trexenta, Marmilla. Il complesso archeologico, a circa 670 metri sul livello del mare, si estende sul versante meridionale dell’altopiano basaltico. L’area è stata frequentata fin dalle prime fasi della Civiltà Nuragica nel 1500 a.C. Dalla tarda età del Bronzo alla prima età del Ferro (1100-900/800 a. C.), questo luogo si è trasformato in una delle più interessanti espressioni della religiosità nuragica: è possibile che le divinità del pantheon nuragico, adorate nei diversi templi del santuario, fungessero da garanti per gli scambi commerciali, culturali, ideologici tra le genti dell’Isola e non solo.

Per approfondire vai al sito dedicato

 

Add Comment