A Cagliari ai Campionati Europei di Volley Sordi partecipa anche nazionale maschile bielorussa

In corso fino al 15 giugno a Cagliari i CAMPIONATI EUROPEI DI VOLLEY SORDI con la partecipazione di 8 nazionali per il settore maschile e 5 nazionali per il settore femminile

di Antonio Tore

Numerosa la partecipazione delle nazionali dei paesi post-sovietici e dell’Europa orientale fra le quali anche la NAZIONALE MASCHILE DELLA BIELORUSSIAguidata dal coach Leanid Makushkine composta da Drabenok Artur, Dziarabin Mikalai, Findziukevich Vitali, Harelikau Uladzimir, Kindruk Vadzim, Litvinka Viktar, Pabudzei Yauheni, Samoilik Vadzim, Krazhau Ivan.

E’ proprio in occasione della partita Italia-Bielorussialo scorso 8 giugno, su invito del consigliere federale della Federazione Sport Sordi Italia Prof. Massimo Bucca, ha fatto visita alle due squadre il Console onorario della Repubblica Belarus in Sardegna Giuseppe Carboni, per un saluto agli atleti bielorussi e italiani e agli organizzatori della manifestazione.

Nell’occasione il Prof. Massimiliano Buccaha illustrato le attività della Federazione Sport Sordi Italia (FSSI) che organizza le attività sportive in maniera verticale sulla disabilità uditiva e che ha di recente festeggiato i 95 anni del movimento, da quel 1924, anno delle prime Deaflympics di Parigi.

L’obiettivo del movimento sportivo dei sordi è quello di diffondere il verbo dello sport – con tutti i valori fisici, mentali e sociali che porta con sé – dimostrando che la disabilità invisibile della sordità non è un ostacolo insormontabile e che i sordi possono e devono avere le stesse possibilità degli udenti.

L’inclusione, in particolare nel settore dell’istruzione è al centro di importanti progetti di cooperazione internazionale fra la Sardegna e la Belarus sostenuti dalla LR 19/96che vede protagonista l’Università di Cagliari in partnership con l’Associazione Cittadini del Mondo, e per la parte bielorussa il Centro Relazioni Internazionali del Ministero dell’Istruzione della Repubblica Belarus ed una serie di enti formativi di questo paese. La tenuta dei Campionati Europei di volley sordi in Sardegna, la conoscenza di questa importante realtà sportiva e sociale che ne è scaturita, hanno rappresentato l’occasione per discutere di possibili sinergie che allarghino le attività della cooperazione sardo-bielorussa anche all’inclusione sportiva dove potrà essere preziosa l’esperienza della FSSI.

Per gareggiare nelle competizioni organizzate dalla FSSI e dai Comitati Internazionali è necessario avere un deficit uditivo di 55 decibel dall’orecchio migliore. Il tutto senza dimenticare che gli atleti sordi gareggiano giornalmente nelle competizioni cosiddette normodotate, potendo scegliere se utilizzare impianti cocleari o apparecchi acustici, una decisione che, per definizione, spetta ad ogni singola famiglia. Durante le competizioni FSSI e internazionali dei sordi, invece, gli atleti devono gareggiare senza ausili partendo tutti dallo stesso livello di abilità.

La competizione Europea a Cagliari con la partecipazione della nazionale bielorussa rappresenta un grosso stimolo per l’attivazione di collaborazioni nel settore sportivo in particolare nelle discipline che vedono protagonisti gli atleti con disabilità, una occasione per uno scambio di esperienze e la promozione dei valori dello sport, della solidarietà e dell’inclusione favorendo i rapporti fra la realtà sportiva sarda e bielorussa!

Sabato 15 giugno è in programma l’ultima giornata del Campionato Europeo di Volley Sordi l’appuntamento per tutti gli amici dello sport è la mattina dalle 10:00 per le finali per la medaglia di bronzo settore maschile e femminilee il pomeriggio a partire dalle ore 15:00 per le finali per la medaglia d’oro settore maschile e femminile, alle 19:30 la cerimonia di chiusura dei Campionato Europeo.

 

 

Add Comment