Oschiri (Sassari):  l’Altare di Santo Stefano,  ancestrale, misterioso a guardia  di una necropoli neolitica   

Un banco rupestre  di  circa  dieci metri, proprio di fronte alla chiesa di Santo Stefano che appunto dà il nome,  dove sono  state scolpite in  sequenza una serie di precise  incisioni geometriche. In copertina libera fotoricostruzione dell’Altare

di Sergio Atzeni

In territorio  di Oschiri (Sassari)  è situata una grande roccia granitica   scolpita,  enigmatica in uno scenario misterioso e silenzioso e dalla natura incantata:  l’Altare di Santo Stefano.

Un manufatto enigmatico e unico nel suo genere, del quale ancora non si ha una spiegazione chiara con la certezza che sia stato usato nei millenni con l’evoluzione delle concezioni religiose alle quali è stato adattato.

Un banco rupestre  di  circa  dieci metri, proprio di fronte alla chiesa di Santo Stefano che appunto dà il nome,  dove sono  state scolpite in  sequenza una serie di precise  incisioni geometriche.

Accanto al monumento,  in un  boschetto di macchia mediterranea, ecco una  necropoli con otto tombe ipogeiche  (domus de Janas), con vicino  numerose misteriose rocce  diventate per opera dell’uomo delle nicchie,

Nell’altare sono stati incisi motivi di varie forme, incavi triangolari, quadrangolari e semicircolari mentre tutt’attorno sono state incise    decine di coppelle e croci.

Un sito che  affascina per i misteri  della sua  funzione come ancora inesplicabile  è  il significato dei simboli scolpiti nella roccia che non hanno fino a oggi una  spiegazione convincente.

Tanti i quesiti sul misterioso e spettacolare  manufatto attendono una risposta tra questi i principali sono:

Chi è stato il primo a realizzarlo?

È  un unico intervento o la sovrapposizione di opere  nei secoli?

Quale è stata la sua funzione e cosa rappresenta?

 

Add Comment