Sardegna: Acquascooter della Polizia controllano i litorali per la sicurezza dei bagnanti

Durante il pattugliamento, alcuni giorni fa,  sotto costa, in ragione delle critiche condizioni meteo, due poliziotti hanno notato due donne a bordo di una canoa gonfiabile ferme in un ridosso sotto la Sella del Diavolo in difficoltà per il forte vento e sono state tratte in salvo.

redazione

Proseguono i servizi di vigilanza e controllo del territorio lungo tutta la costa Sud Orientale dell’Isola, presidiata nel litorale marino, nel periodo estivo, dagli operatori della Squadra Nautica mediante l’utilizzo degli Acquascooter.

Il dispositivo è finalizzato alla prevenzione e repressione di illeciti in materia di nautica da diporto, sicurezza della balneazione, con particolare riguardo al contrasto della navigazione sotto costa effettuata da moto d’acqua e motoscafi veloci.

Lo scorso fine settimana le unità operative PS 1360 e PS 1361 hanno effettuato un delicato intervento di soccorso a mare.

Durante il pattugliamento sotto costa, in ragione delle critiche condizioni meteo, i due poliziotti hanno notato due donne a bordo di una canoa gonfiabile ferme in un ridosso sotto la Sella del Diavolo.

Le due donne, in vacanza in città, sono state sorprese dalle improvvise condizioni del mare che si è ingrossato per il forte vento di libeccio che imperversava sin dalle prime ore del pomeriggio.

Dopo aver raggiunto le due turiste, visibilmente spaventate per la criticità della situazione, gli Agenti le hanno prima tranquillizzate e poi spiegato che, poiché il tempo andava a peggiorare, avrebbero dovuto con il loro aiuto, riprendere il mare per approdare al porticciolo di Marina Piccola.

In breve tempo le due donne grazie all’assistenza degli Operatori di Polizia, sono riuscite ad arrivare in sicurezza all’interno del porticciolo turistico.