Olbia (Sassari): “Mont’e s’Abe”  la tomba plurima ultima dimora dei nuragici

Libera e ideale foto-ricostruzione della tomba

di Sergio Atzeni

Vicino a Olbia e alla costa nord-orientale della Sardegna, spicca un monumento preistorico di oltre 4 mila anni fa, che evoca la testa di un toro, divinità nuragica

Di fronte al castello di Pedres, vicino al centro abitato di Olbia (Sassari), un alone di mistero circonda un luogo di sepolture nuragiche: la tomba di Giganti de su Mont’e s’Abe” (o s’Ape) risalente e circa 4 mila anni fa.

I defunti erano sepolti in forma collettiva nell’ampio spazio anteriore (esedra)  venivano probabilmente  officiati i riti sacri legati al defunto ma qui, rispetto a quanto capitava altrove, non sono stati rinvenuti nel pozzetto sacro i documenti funerari che accompagnavano il defunto sino al congiungimento con la divinità.

Per approfondire

 

 

 

 

Add Comment