A Nuoro si parla di abitare sostenibile e rischio radon

Lunedì 21 ottobre 2019, dalle ore 9 all’Auditorium Biblioteca S. Satta – Piazza Asproni 8 a Nuoro per discutere di buone pratiche per migliorare la qualità dell’aria nelle abitazioni

di Antonio Tore 

“Abitare sostenibile e rischio radon” è il titolo del convegno che si svolgerà lunedì 21 ottobre 2019, dalle ore 9, presso l’Auditorium Biblioteca S. Satta, in Piazza Asproni n. 8 a Nuoro per parlare di come migliorare la qualità dell’aria nelle nostre case e ridurre la concentrazione di inquinanti.

L’Assessorato Regionale della Sanità e dell’Assistenza Sociale, tramite l’Azienda per la Tutela della Salute della Sardegna e in collaborazione con IFC-CNR di Pisa, organizza a Nuoro il convegno regionale “Abitare sostenibile e rischio radon” con l’obiettivo di illustrare le buone pratiche da adottare per miglioramento della qualità dell’aria all’interno degli ambienti confinati e le azioni di prevenzione e risanamento per la riduzione delle concentrazioni degli inquinanti dell’aria indoor, con particolare attenzione al gas radon.

Nell’ambito del convegno verranno illustrati gli “Indirizzi in materia di sostenibilità ed eco-compatibilità nella costruzione/ristrutturazione di edifici, al fine di migliorare la qualità dell’aria indoor anche in relazione al rischio radon, per orientare i regolamenti edilizi in chiave eco-compatibile” (adottati con la DGR n. 5/31 del 29.01.2019), elaborati da un apposito Gruppo di Lavoro intersettoriale (comprendente i rappresentanti degli Assessorati Regionali della Sanità, della Difesa dell’Ambiente, dell’Urbanistica, dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASSL dell’ATS Sardegna, dell’ARPAS, dell’ANCI, degli Ordini Professionali degli Architetti, degli Ingegneri, dei Geologi e dell’Università degli Studi di Cagliari) in attuazione dell’Azione P-8.2.4 del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2019 “Promozione di buone pratiche in materia di sostenibilità ed eco-compatibilità nella costruzione/ ristrutturazione di edifici per il miglioramento della qualità dell’aria indoor”.

Tra i temi centrali dell’incontro saranno affrontati gli aspetti sanitari correlati ai principali inquinanti presenti nell’aria interna agli edifici: la qualità dell’aria indoor costituisce un importante determinante di salute ed influenza il comfort delle persone, considerata la prolungata permanenza della popolazione negli ambienti interni. Comprendere e controllare gli inquinanti più comuni è fondamentale per ridurre il rischio di effetti sulla salute.

Nell’ambito del convegno saranno inoltre presentati i risultati del Progetto “Classificazione del territorio regionale con individuazione delle aree a rischio radon”, attuato dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Sardegna (attraverso apposita convenzione con l’ATS su finanziamento regionale), mediante il quale la Giunta regionale, con Deliberazione n. 7/49 del 12.02.2019, ha proceduto alla classificazione del territorio regionale con individuazione delle aree a rischio radon. Saranno inoltre illustrate le indicazioni tecniche per orientare i regolamenti edilizi regionali in chiave eco-compatibile e le principali misure di prevenzione e risanamento per la riduzione della concentrazione del radon indoor. Infine, gli esperti dell’IFC-CNR di Pisa illustreranno i risultati preliminari della valutazione dell’impatto sulla salute dell’esposizione al radon della popolazione della Sardegna e le strategie di comunicazione e di coinvolgimento dei portatori di interesse nella gestione del rischio radon.

Add Comment