Trasporti, appello della Uiltrasporti alla Regione Sardegna

Zonca, segretario generale del sindacato: “Senza una programmazione e un serio confronto con le parti sociali i trasporti sardi rischiano il collasso”

di Antonio Tore

 Siamo fermi e senza un’adeguata programmazione: con una politica regionale completamente assente rischiamo il collasso”. Il segretario generale della Uiltrasporti Sardegna William Zonca lancia un appello alle istituzioni isolane sulla situazione precaria dei trasporti in Sardegna. “C’è forte preoccupazione perché la politica non sta affrontando i veri problemi o, se li sta affrontando, lo sta facendo al chiuso dei palazzi e senza nessun confronto con le organizzazioni sindacali”, afferma Zonca bacchettando l’assessore ai Trasporti Giorgio Todde.

 Il riferimento è innanzitutto alla partita della continuità territoriale aerea in proroga che, evidenzia il numero uno della Uiltrasporti sarda, potrebbe avere dei risvolti drammatici, accentuati dalla forte preoccupazione per l’abbandono di Airitaly. La Uiltrasporti è inoltre fortemente critica sulla privatizzazione dell’aeroporto di Alghero che non sembra dare i risultati sperati ricordando la posizione contraria sin all’origine rimarcando l’importanza strategica delle infrastrutture sull’economia del territorio.

Sul piano del trasporto pubblico locale, anch’esso in regime di proroga, la Uiltrasporti chiede alla Regione di esplicitare le linee guida che saranno messe in campo. “Il sistema del trasporto pubblico – prosegue Zonca – è fondamentale per lo sviluppo del territorio e delle zone interne e per la sopravvivenza dei piccoli centri con il collegamento alla città metropolitana: cosa vuol fare la Regione in proposito?”.

Altro aspetto fondamentale, secondo il sindacato, è quello dei porti. “Riteniamo che uno dei principali nodi da sciogliere sia l’impegno della politica per il porto industriale di Cagliari – afferma Zonca –: chiediamo alla regione anche attraverso gli assessorati competenti di mettere in campo un advisor sui trasporti  che faccia luce sulle potenzialità di sviluppo e indichi quale modello di sviluppo economico si vuole dare al porto industriale di Cagliari”.

 “Riteniamo estremamente grave il fatto che l’assessore ai Trasporti non si preoccupi in alcun modo delle istanze che vengono portate al suo assessorato: questo comportamento è molto irrispettoso nei confronti dei lavoratori che rappresentiamo e, come Uiltrasporti siamo pronti a  metter in campo delle azioni di protesta se questa modalità di non confronto verrà portata avanti.

Il presidente della Regione Solinas intervenga e sia rapido perché il tema dei trasporti non può essere messo in secondo piano e non può stare chiuso dentro  gli uffici della Regione senza un vero confronto: in caso contrario ognuno si prenderà le sue responsabilità”.

 

Add Comment