Nainggolan trascina il Cagliari: 5-2 alla Fiorentina

I rossoblù erano chiamati ad una prova di maturità contro una Fiorentina che sembrava in salute. Il Cagliari, autore di una partita spettacolare e autoritaria, sale provvisoriamente al terzo posto in classifica

di Antonio Tore

Con Nainggolan in cattedra, autore di tre assist decisivi e un gol, il Cagliari annichilisce la Fiorentina che, solamente nel finale, complice il rilassamento dei rossoblù, riesce a ridurre il punteggio, rendendo meno amara la sconfitta.

Chi chiedeva al Cagliari una prova di maturità è stato servito: giocate in verticale, velocità di esecuzione, pressing in ogni zona del campo, gol segnati da cinque giocatori diversi.

Cosa chiedere di più al pomeriggio piovoso e freddo? Lo spettacolo offerto dal Cagliari è stato di alta qualità per tutto il primo tempo e parte del secondo quando, solamente i 5 gol all’attivo, hanno fatto abbassare i ritmi e l’attenzione ai rossoblù.

Ciò che colpisce, oltre alla posizione in classifica e oltre la qualità dei singoli, è la prova di collettivo che la squadra offre, con tutti i giocatori che si scarificano e si aiutano.

Certamente non si può non parlare della leadership di Nainggolan. Sceso in campo con un principio di influenza, il belga ha sfoderato una prestazione maiuscola, pressando a tutto campo e fornendo tre assist per i suoi compagni, culminate in altrettante reti.

E che dire del gol segnato? Un controllo del pallone e un tiro che si è insaccato sotto l’incrocio, con il portiere vanamente proteso in volo.

I rossoblù sono saliti, provvisoriamente, al terzo posto della classifica, in attesa delle prova della Roma e  dell’Atalanta, attese a prove non semplici a Parma e Genova con la Sampdoria e della Lazio che sembra avere il compito sulla carta più facile con il Lecce all’Olimpico, lo stesso Lecce che ospiterà il Cagliari alla ripresa del campionato dopo la sosta dovuta alle partite della Nazionale.

Come dice l’allenatore Maran: “Oltre i meriti della squadra, c’è una intera città e tutta una regione che ci sostiene e crea entusiasmo. Questo ci serve per migliorarci in alcuni aspetti ed andare oltre i limiti fin qui raggiunti”.