Forte Village approda a Cagliari: il 27 febbraio apre il primo albergo a 5 stelle in città

Un progetto da 30 milioni di euro, 72 camere, otto suite, una corte padronale aperta al pubblico, tre ristoranti, boutique, una Spa, spazi per mostre e un anfiteatro per spettacoli

redazione

Cagliari, visti gli arrivi ormai consolidati di tantissimi turisti, cerca di creare strutture che possano soddisfare le esigenze di una clientela con ampie possibilità economiche. Cosi, dopo le voci di un accordo con la cordata russa proprietaria del vecchio hotel Mediterraneo, la ristrutturazione di palazzo Tirso (affacciato sul porto) e della storica Scala di Ferro, ecco che il 27 febbraio apre la struttura chiamata Palazzo Doglio, situato, in pieno centro, nel triangolo tra via Logudoro, via Nuoro e via Goceano.

Il progetto di 30 milioni, avviato col placet della precedente giunta guidata da Massimo Zedda, è ormai realizzato, almeno nella ristrutturazione del palazzo.

La proprietà del Forte Village Resort ha annunciato l’apertura per il 27 febbraio prossimo.

Nella ristrutturazione sono stati salvati i decori Liberty che decoravano le facciate esterne, Sono state realizzate 72 stanze, 8 suite, una corte padronale che sarà aperta al pubblico, dove saranno presenti tre ristoranti, una boutique, una spa da 400 mq e spazi per mostre di arte.

Sarà fruibile anche un anfiteatro, rimasto chiuso per oltre 37 anni che sarà utilizzato per appuntamenti teatrali, musicali, presentazione di eventi e convegni, con una capienza che potrà raggiungere anche i mille posti.

Dovranno, poi, essere eseguiti, dalla proprietà di palazzo Doglio, lavori per alcuni ritocchi alla Basilica di San Saturnino e la realizzazione di una “piazza lineare” pedonale nell’area tra via San Lucifero, via Logudoro e via Goceano, con la piantumazione anche di nuovi arbusti e la sotituzione della vecchia pavimentazione.

Sarà, infine, abbellita anche piazza Ichnusa dove verrà sistemare la rotonda e saranno realizzate aiuole e piantati nuovi alberi.

(Foto dalla pagina Facebook di Palazzo Doglio)