Rubrica: ”Una strada, un personaggio, una Storia” – Cagliari, via Amat

Ogni settimana parleremo di una strada raccontando la storia del personaggio a cui è dedicata. Si potranno scoprire così le persone, molte volte sconosciute, legate alla storia della Sardegna o Italiana tramite la loro biografia.

di Annalisa Pirastu

Mario Betti nasce a Bagni di Lucca il 21 marzo 1875. Fratello gemello di Adolfo Betti, famoso violinista, eredita dal padre la farmacia di famiglia. Mario si laurea all’Università di Pisa nel 1897.
Diventa docente di Chimica Generale nelle università di Firenze, Cagliari, Siena e Genova.
Nel 1923 si è trasferisce all’Università di Bologna e, nel 1929 è nominato Preside della Facoltà di scienze fisiche matematiche e naturali. I suoi studi più importanti sono nel campo dalla chimica organica.

È membro del Consiglio Superiore dell’Educazione Nazionale, del Comitato chimico del Consiglio Nazionale delle Ricerche, del Consiglio della Union Internationale de Chimie. È socio dell’Accademia dei Lincei ed è uno dei Quaranta membri della Società Italiana delle Scienze.

Mario Betti ha ideato una reazione generale di sintesi di derivati eterociclici, che viene indicata appunto come “reazione di Betti”. Ha compiuto studi innovativi sulle basi organiche, sullo sdoppiamento in antipodi ottici di molti composti e sulle reazioni di ossidazione spontanea.

Ha compiuto studi sui rapporti fra struttura chimica e potere rotatorio degli elementi e sulle qualità delle acque minerali e delle acque termali.
Nel 1939 Betti è stato nominato Senatore nella XXX legislatura del Regno d’Italia.

Muore a Bologna il 13 maggio 1942