Cagliari, precisazioni sulle attività di socialità e gioco per bambini e adolescenti

I progetti conformi al DPCM dell’11 Giugno 2020 – Allegato 8, debbano essere comunicati alla ASL e al Comune con una descrizione generale, ma non si dovrà attendere la comunicazione di approvazione

di Antonio Tore

Precisazioni sulle attività di socialità e gioco per bambini e adolescenti 0-17 anni nella Fase 2 dell’emergenza Covid-19

Il Servizio Pubblica istruzione, Politiche giovanili e Sport del Comune di Cagliari, comunica agli operatori interessati quanto segue:

l’Allegato 8 del DPCM 11 giugno 2020 – Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche della famiglia – Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini e adolescenti nella Fase 2 dell’emergenza Covid-19” e in particolare il punto 2 “Attività ludico-ricreative, educazione non formale e attività sperimentali di educazione all’aperto (outdoor education) per bambini e adolescenti di età 0-17 anni, con la presenza di operatori, educatori o animatori addetti alla loro conduzione, utilizzando le potenzialità di accoglienza di nidi e spazi per l’infanzia, scuole e di altri ambienti similari e aree verdi”, prevedono che i progetti organizzativi debbano essere comunicati alla ASL e al Comune con una descrizione generale delle attività.

Pertanto, il gestore non dovrà attendere la comunicazione di approvazione del progetto per avviare l’attività descritta nel DPCM dell’11 Giugno 2020 – Allegato 8.

Resta inteso che gli operatori devono attenersi pedissequamente a quanto riportato nelle linee guida citate e all’ordinanza della Regione Sardegna n. 29 del 14 giugno 2020.

DPCM_20200611

allegati_dpcm_11giugno2020