Stagione Estiva 2020 del Teatro Lirico di Cagliari nella piazza Amedeo Nazzari

Riprendono concerti, lirica e balletto e si spostano in piazza. Da venerdì 17 luglio la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari presenta la Stagione Estiva 2020

di Antonio Tore

Sei distinti programmi, tutti replicati il giorno successivo, animeranno la rinnovata piazza Amedeo Nazzari per un’ora senza intervallo dalle 21.

E così, completa di tutti gli allestimenti necessari, dal palcoscenico, alle torri faro, alle 490 sedute per il pubblico, tutto nel rispetto delle norme anti Covid-19, il bianco selciato della nuova arena incastonata fra il Teatro, il Parco Della Musica e il Conservatorio di Musica, saprà regalare ai cagliaritani delle serate concertistiche di prim’ordine. Finanziata anche con fondi regionali, l’arena che “si presenta gradevole nell’aspetto e ben inserita nel contesto, consentirà però anche di dare respiro a un settore culturale fortemente penalizzato dal Covid-19”.

Ne è certo il vicesindaco di Cagliari Giorgio Angius, che questa mattina all’incontro coi giornalisti ha anche annunciato che “tra il 14 agosto e il 2 settembre, durante l’interruzione della stagione teatrale, nell’arena di piazza Amedeo Nazzari ci sarà spazio per altre iniziative culturali della città, di tipo privato. Prossimamente saranno forniti i dettagli perché le associazioni possano fare richiesta per utilizzare questo spazio”.

Alla presentazione ospitata nel foyer di platea della “principale azienda culturale della Sardegna”, anche il sovrintendente del Lirico. “la Stagione Estiva 2020 del Teatro Lirico – ha evidenziato Nicola Colabian chi spiegando nei dettagli il cartellone degli appuntamenti in programma sino al 14 agosto – è stata pensata appositamente come una programmazione estiva, che si adatta a uno spazio all’aperto, uno spazio al fresco delle sere cagliaritane”. In primo piano l’Orchestra e il Coro del Lirico, quest’ultimo diretto da Donato Sivo e impegnato in tre programmi, tutti rilevanti.

Si parte dunque venerdì 17 luglio. A Giampaolo Bisanti, applaudito direttore milanese la cui energia conquista sempre il pubblico cagliaritano, spetta il compito di dirigere, alla guida delle compagini orchestrale e corale, il concerto inaugurale del 17 e 18 luglio, che propone un programma musicale – “popolare ma non banale” ha rimarcato il soprintendente Nicola Colabian – che prevede l’esecuzione di famose arie e celeberrime pagine corali e sinfoniche, tratte da altrettanto popolari opere liriche. In qualità di soprano solista debutta a Cagliari Alessandra Di Giorgio, giovane artista serba (nata a Belgrado) dall’ampio repertorio lirico-drammatico.

Il 24 e 25 luglio sale sul podio Paolo Arrivabeni, direttore lombardo, stimato in tutto il panorama nazionale ed internazionale, che ritorna a Cagliari dopo aver diretto La Traviata (luglio 2004), Simon Boccanegra (giugno 2005) e Macbeth (ottobre/novembre 2019) e a cui spetta il compito di dirigere l’Orchestra del Teatro Lirico in un programma che include 2 trascinanti pagine russe (Glinka e Čajkovskij) e una, affascinante e di raro ascolto, inglese (Elgar).

Giuseppe Finzi, direttore pugliese, apprezzato “direttore residente” della San Francisco Opera dal 2011 al 2015 e che nel 2017 diresse, con grande successo di pubblico e critica, la prima europea di La Ciociara di Marco Tutino al Teatro Lirico di Cagliari, ritorna alla guida dei due complessi stabili della Fondazione il 31 luglio-1 agosto per un’imperdibile ed accattivante “serata francese” dedicata a Fauré, Ravel, Debussy e, in chiusura, a quell’Apprendista stregone di Dukas che Walt Disney ha contribuito a far conoscere al mondo attraverso il suo capolavoro cinematografico “Fantasia”.

Il 7 e 8 agosto Giuseppe Grazioli, direttore specialista nel repertorio novecentesco, la cui collaborazione è stata sempre particolarmente apprezzata nel nostro teatro (ha inaugurato la Stagione lirica e di balletto 2020 con Palla de’ Mozzi di Marinuzzi), si esibisce in un programma colto e piacevole che propone le affascinanti sonorità e le preziose suggestioni della musica americana novecentesca di Copland, Barber e Williams.

L’11 e 12 agosto, ci si sposta all’interno del Teatro Lirico (sala), dove, con tutte le meticolose precauzione sanitarie del caso, il Coro del Teatro Lirico, diretto da Donato Sivo, propone una scintillante e insolita serata dedicata alle grandi pagine corali, alle immortali colonne sonore e ai medley tratti da famosissimi film e musical che appartengono al patrimonio culturale di ciascuno di noi. Gershwin, Bernstein, Gore, Berlin, Coleman, Goodwin, Enya, Arlen, Lloyd Webber ci faranno, ancora una volta, sognare ad occhi aperti!

La rassegna musicale si conclude il 13 e 14 agosto con un Gala internazionale di danza, diretto da Domenico Longo al suo debutto a Cagliari, che, alla guida dell’Orchestra del Teatro Lirico, propone celeberrimi pas de deux e virtuosistici assoli tratti dai più amati balletti classici (Il lago dei cigni, Don Chisciotte, Carmen Suite, Romeo e Giulietta, La Sylphide), nell’interpretazione di étoiles e primi ballerini che, essendo coppie anche nella vita privata, potranno eseguire le coreografie in programma senza alcun distanziamento fisico.