Riparte “La notte dei Poeti” a Nora

Il CEDAC, Centro diffusione attività culturali, organizza il XXXVIII Festival “La notte dei poeti” a Nora. Il Festival si svolgerà nel rispetto delle norme di distanziamento personale a causa dell’epidemia di Covid-19. Pubblichiamo il comunicato della CEDAC

di Antonio Tore

Sin dai primi di marzo, quando il coronavirus si è abbattuto sul mondo dello spettacolo, imponendoci la “sospensione” di ben 127 recite del Circuito multidisciplinare programmate nel periodo marzo-aprile 2020, abbiamo voluto pensare in positivo e credere nella riapertura e nel recupero.

Mentre, nonostante le difficoltà e le incertezze, non abbiamo mai pensato di rinunciare all’appuntamento con il XXXVIII Festival La Notte dei Poeti, il cui programma era stato già predisposto fin da gennaio. Poiché il Teatro romano, consentiva una ridotta disponibilità di posti dovuta al distanziamento, pari a circa 1/3 della capienza teorica, abbiamo dovuto progettare ex novo all’interno dell’area archeologica un palcoscenico adeguato, una platea di 200 posti. Ovviamente, ci siamo dovuti adeguare al rispetto delle normative previste dai protocolli per la sicurezza sanitaria degli artisti, del personale e degli spettatori.

Il Festival vuole quindi essere un messaggio di fiducia per la “ripartenza” dello spettacolo dopo il prolungato silenzio che ha danneggiato gravemente gli artisti, i tecnici e i vari professionisti del settore.  Per prudenza, in accordo con gli artisti e d’intesa con il Comune di Pula e la Soprintendenza archeologica di Cagliari, abbiamo (solo) posticipato le date di un mese.

La XXXVIII edizione del Festival La Notte dei Poeti si svolgerà dal 20 al 30 agosto nell’area archeologica di Nora: nove i titoli in cartellone tra ironici e sorprendenti monologhi, dialoghi di dèi ed eroi, moderni riti e avventurosi racconti marini, diari di bordo e fantasticherie su delitti veri o immaginati, conflitti interiori e pagine di storia, con un intrigante finale in musica. 

Tra i protagonisti Lella Costa, che aprirà il cartellone con “La vedova Socrate”, irresistibile monologo di Franca Valeri, per un omaggio all’attrice milanese che compirà cent’anni a fine luglio; Donatella Finocchiaro con un “giallo” metafisico di Andrea Camilleri, “Il Commissario Collura va in crociera”, tra le incursioni musicali di Andrea Gattico e Isabella Ragonese per un affresco del Belpaese attraverso parole e visioni d’autore dedicate alle “Spiagge”, accanto a Francesco Montanari (il “Libanese” di “Romanzo criminale”, Premio Flaiano per “Il cacciatore”), voce narrante di un avvincente e crudele “Processo a Shylock”. 

Enrico Bonavera – allievo di Ferruccio Soleri, all’attivo una collaborazione con l’Odin Teatret di Eugenio Barba e un’intensa carriera d’attore – interpreta insieme con Barbara Usai “Arlecchin dell’onda” per un approdo nel sud dell’Isola dei Teatridimare di çàjka. L’eclettico attore e cantante Maurizio Rippa (già diretto da artisti come Carmelo Bene, Cristina Pezzoli, Walter Le Moli, Roberto De Simone, Elijah Moshinsky e Antonio Latella) proporrà i suoi “Piccoli Funerali” tra ritratti e canzoni sulle note della chitarra di Amedeo Monda mentre Massimiliano Civica e I Sacchi di Sabbia metteranno in scena i “Dialoghi degli dei” di Luciano di Samosata con la loro cifra irriverente e straniante, svelando fragilità e umanissime debolezze dei potenti abitanti dell’Olimpo.

Ritorna a Nora Rossella Dassu con una riscrittura del suo “Tracce nella città sommersa” per un excursus tra archeologia e storia, memoria e mito. Infine chiuderà in bellezza il XXXVIII Festival La Notte dei Poeti la cantante spagnola Silvia Pérez Cruz (Premio Goya nel 2017 con “Ai,ai,ai cerca de tu casa”), che ha duettato con Tosca nella scorsa edizione del Festival di Sanremo, per un’antologia dei suoi pezzi più significativi in un coinvolgente e spettacolare “Solo Show”.

Il programma del Festival si trova all’indirizzo internet www.lanottedeipoeti.it/