SCARTATI per Voi su Netflix: Berlin Berlin

di Annalisa Pirastu

Commedia tedesca del 2020 che può essere considerata il sequel della serie televisiva  del 2000.

La complicata vita amorosa di Lolle sembra andare per il verso giusto fino al momento di dire sì sull’altare. Sfortunatamente il suo partner precedente, Sven che compete con il futuro marito Hart, per il cuore della protagonista, rovina tutto. L’indecisione di Lolle riguardo la scelta di quale uomo sposare, la porta a una serie di avventure che spaziano da Berlino ai boschi, a siti mafiosi, a stereotipiche radure con teepees dove impera l’esoterismo e l’erotismo.
 
IL film è fortemente sbilanciato con momenti in caduta libera ed altri intriganti e coinvolgenti. Anche i dialoghi passano dal banale “Cosa è meglio di un amico nel bisogno? Due amici”, a scambi arguti durante la fuga delle due protagoniste.La pellicola è poi arricchita da sequenze animate di buona qualità come in Hilary Duff Lizzie McGuire. Ci sono inoltre dei flashbacks che aiutano lo spettatore a capire meglio le relazioni tra i personaggi che fanno parte della serie televisiva. 

Nel caos delle varie tematiche si possono estrapolare due  elementi portanti: la pressione per una donna di arrivare al matrimonio e l’inesorabile ticchettio del famoso orologio biologico, che è un problema tutto femminile.
 
La sequenza in cui mafiosi, hippies, poliziotti e quant’altro sono tutti all’inseguimento di Lolli, è un’occasione perduta per far ridere lo spettatore. La scena è svilita e calibrata male, tanto da far intravvedere la sua forzatura per divertire, ottenendo il risultato di lasciare gli spettatori impassibili.