Apre lo Sportello Metropolitano di Lingua e Cultura Sarda

redazione

L’assessora alla Cultura, Spettacolo e Verde Pubblico del Comune di Cagliari, Paola Piroddi, annuncia l’apertura dello Sportello Metropolitano di Lingua e Cultura Sarda “Totus Impari Po Su Sardu”, finanziato dalla Regione Sardegna in base alla L.482/1999 e alla L.R. 6/2012, per la tutela delle minoranze linguistiche.

Lo Sportello è gestito dalla Città Metropolitana di Cagliari, in qualità di ente capofila, insieme ai Comuni di Cagliari, Quartu Sant’Elena, Selargius, Assemini, Capoterra, Sestu, Monserrato, Sinnai, Quartucciu, Decimomannu, Elmas, Maracalagonis, Pula, Sarroch, Uta, Villa S. Pietro.

La lingua rappresenta un marcatore forte dei caratteri identitari e nelle azioni dell’amministrazione comunale riveste un interesse centrale, per portare avanti azioni di intervento che poggino sui fondamenti dell’autonomia concreta e della specialità di popolo. Grazie alle azioni dello Sportello sarà possibile rivolgersi al pubblico in lingua sarda, coadiuvando le attività delle assemblee amministrative e consiliari e collaborando con enti, scuole e associazioni per una maggiore sensibilizzazione e conoscenza della lingua sarda.

Lo Sportello linguistico si occuperà inoltre di formazione linguistica e attività di animazione culturale locale, di tradurre gli atti amministrativi in lingua sarda e svolgere attività di comunicazione con il pubblico.

Il servizio sarà operativo in smart working fino alla riapertura al pubblico degli spazi del Sistema Bibliotecario Cittadino:

  • lunedì mattina dalle 9 alle 13;
  • venerdì pomeriggio dalle 15 alle 19,30.

Le attività verranno pubblicizzate attraverso il sito del Comune di Cagliari e la pagina Facebook dell’Archivio Storico della Biblioteche di Cagliari.

Contatti: