Cagliari: appuntamento con “Ti castiu e (no) ti biu. Un altro sguardo è possibile – Riflessione sugli attraversamenti migratori, culturali ed emotivi”

Migrazioni e multiculturalità: venerdì a Cagliari appuntamento con “Ti castiu e (no) ti biu. Un altro sguardo è possibile – Riflessione sugli attraversamenti migratori, culturali ed emotivi”. A confronto giornalisti, studiosi e operatori esperti delle tematiche legate all’accoglienza. Durantela serata saranno presentati il video e il libro nati dall’esperienza dei mesi scorsi nelle scuole sarde

​Redazione 

Venerdí 23 ottobre alle 19 a Cagliari  nella Sala M1 del Teatro Massimo si svolgerà la tavola rotonda, aperta al pubblico, “Ti castiu e (no) ti biu. Un altro sguardo è possibile. Riflessione sugli attraversamenti migratori, culturali ed emotivi”.

Organizzato dalla cooperativa sociale Il Sicomoro, l’appuntamento è la tappa finale dell’omonimo progetto che da gennaio ha visto un team composto da due psicologhe e tre mediatori culturali incontrare i giovani delle scuole della Sardegna per promuovere confronti e riflessioni sul tema dello spostamento migratorio, la conoscenza dell’Altro, la famiglia multietnica.

Moderata dal giornalista Luca Foschi, autore di numerose corrispondenze dal Medio Oriente per testate nazionali e internazionali, la serata – oltre che presentare i prodotti del lavoro svolto – metterà a confronto giornalisti, studiosi e operatori esperti delle tematiche legate all’accoglienza.

Dall’esperienza col progetto “Ti castiu e (no) ti biu”, che sarà ripercorsa dalla presidente del SicomoroStefania Russo, allo studio dei processi migratori condotto da Marco Zurru, docente di Sociologia economia all’Università di Cagliari. Dalla narrazione delle immigrazioni in Italia, nell’analisi della ricercatrice dell’Ateneo cagliaritano, Eva Garau, passando per un tema come quello della percezione che le nuove generazioni hanno dell’argomento, nell’indagine della sociologa Laura Longo, sino all’esperienza nel Centri per l’educazione degli adulti della docente Chiara Astolfi, si cercherà di tracciare un quadro a tutto tondo di un fenomeno fluido, attualissimo e dalle molteplici implicazioni.

Ad arricchire il confronto saranno anche gli interventi dell’avvocato sardo-senegalese Elhaji Farneti, del giornalista dell’Unione Sarda Vito Fiori, della docente Francesca Pistis, che ha promosso l’adesione al progetto della cooperativa Il Sicomoro nell’istituto “Michele Giua” di Cagliari.

L’incontro sarà anche l’occasione per presentare per la prima volta un estratto del documento-video “Ti Castiu e (no) ti biu” e l’omonimo libro appena pubblicato da Domus de Janas, due strumenti che si candidano a diventare un valido aiuto per orientare in futuro progetti didattici che vogliano affrontare il tema delle migrazioni e dell’incontro tra culture diverse.

Girato dal videomaker Marco Gallus, il video (la cui versione totale di 40 minuti è visibile sul sito del Sicomoro, qui è invece possibile averne un estratto: https://rb.gy/fy0w3p), è uno scrigno prezioso che raccoglie i momenti salienti delle diverse tappe in Sardegna del progetto “Ti castiu e (no) ti biu”, portato in aula dall’equipe di lavoro composta dalla coordinatrice del progetto Gisella Congia e i collaboratori Silvia Piras, Beddredine Elabbad, Rodrigue Tchasse, Malang Balde.

Sulla falsariga dell’esperienza maturata nei mesi scorsi nelle scuole sarde, il libro – 96 pagine curate dalla cooperativa Il Sicomoro e con le illustrazioni di Daniele Conti – raccoglie i temi proposti agli studenti durante i seminari (incontro con l’altro, spostamento, famiglia multietnica, analisi delle informazioni) proponendone un approfondimento a cura degli stessi esperti del Sicomoro, ma anche di giornalisti, studiosi, scrittori, professionisti esperti della materia, molti dei quali saranno in sala venerdì per illustrare il loro punto di vista e la loro esperienza.

Per garantire la massima sicurezza in questo momento di emergenza sanitaria l’ingresso all’incontro avverrà dietro prenotazione al numero 338 4894613 (anche via whatsapp) o tramite mail all’indirizzo ticastiu@gmail.com

Il progetto è finanziato dalla Regione Sardegna – Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale – L.R. 46/90 piano annuale immigrazione 2019/2020 – Progetti innovativi e qualificati in materia di Politiche di Integrazione degli Immigrati non comunitari.