Covid: primo trattamento con plasma in Sardegna

Al via l’impiego del plasma iperimmune raccolto nell’Isola per la cura dei pazienti assistiti nei centri Covid della Sardegna

redazione

Il primo trattamento con il plasma raccolto nel Centro trasfusionale dell’Azienda di rilievo nazionale ed alta specializzazione (Arnas) G. Brotzu è stato eseguito dai medici dell’ospedale Santissima Trinità di Cagliari su un paziente individuato come idoneo.

“La Sardegna compie un importante passo in avanti, dotandosi di un ulteriore strumento per la lotta contro il virus”, dichiara il Presidente della Regione, Christian Solinas.

“L’immunoterapia passiva – prosegue il Presidente – rappresenta oggi una speranza in più sul fronte delle cure e la Sardegna, al pari di altre Regioni virtuose, ha intrapreso questo percorso anche grazie alle professionalità espresse dal nostro sistema sanitario e alla generosità dei donatori dell’Isola”.

“Sul fronte della cura sperimentale – aggiunge l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu – la Sardegna non resta indietro. Ho voluto dare un forte impulso richiedendo ai nostri centri trasfusionali di attivasi per la raccolta. Il nostro obiettivo e le nostre speranze sono quelle di utilizzare il plasma dei sardi guariti dal Covid per curare i pazienti sardi assistiti nell’Isola”. L’esponente della Giunta Solinas sottolinea l’importanza della donazione: “Il plasma conservato è utilizzabile nei due anni successivi. Gli studi e le tecniche per la concentrazione di anticorpi proseguono e seguiamo con grande attenzione ogni sviluppo. In questa fase è fondamentale che chi può donare il proprio plasma lo faccia, con un gesto di grande solidarietà”.

A disposizione dei donatori il Centro trasfusionale del Arnas G. Brotzu ha attivato i numeri dedicati 388.0797812 e 070.539347, operativi dal lunedì al sabato dalla 7.30 alle 14