Cagliari, crescono i contatti con l’Ufficio Relazioni con il Pubblico

Ufficio Relazioni con Pubblico: nei numeri un servizio in crescita e vicino alle esigenze dei cittadini

redazione

Presentato questa mattina,  in Commissione Valutazione delle Politiche comunali e la qualità dei servizi, il report annuale delle attività dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

“Uno strumento indispensabile per valutare non solo la qualità di un servizio specifico – sottolinea il presidente della Commissione Salvatore Sirigu – ma un insieme di informazioni essenziali per capire l’andamento della vita cittadina, le segnalazioni e i suggerimenti che giungono dai cagliaritani. Oggi, possiamo dire che ogni cittadino cagliaritano che cerca un contatto concreto con l’Amministrazione può farlo attraverso diverse modalità: numero verde, un messaggio WhatsApp, Sms, oltre alla tradizionale e-mail e otterrà una risposta utile e concreta”.

I contatti, registrati quotidianamente dall’URP, sono stati complessivamente 56.095: il 46,21 % di richieste telefoniche, il 30,51 % di richieste WhatsApp, 17 ,05 % via mail, il 3,57 % allo sportello, 2,26% attraverso il portale e lo 0,40 richieste scritte.

I contatti si suddividono in richieste di informazioni (78%), segnalazioni (20%) ed altro (come accesso agli atti o autentiche di firma) per il restante 2%.

Si evidenzia l’aumento delle richieste di informazioni rispetto agli anni precedenti, basta pensare che sono state 3160 le richieste di informazioni su problematiche legate alla pandemia.

L’URP conferma anche in questo periodo la sua funzione di interfaccia dell’amministrazione e la sua vocazione all'”Informazione di servizio”, che costituisce una larga parte del lavoro.

Le segnalazioni complessive (Igiene del Suolo, mobilità e infrastrutture viarie, polizia locale, parchi e verde, lavori pubblici, ecc.), nel corso 2020 sono state in totale 7.737 con una diminuzione rispetto all’anno precedente.

Significativo il caso dell’Igiene del Suolo, dove le segnalazioni pervenute nel corso del 2020 sono state 3.576 rispetto alle 4.568 del 2019.

Nello specifico scendono da 1412 a 1210 le segnalazioni per rifiuti ingombranti abbandonati.

Da 1224 a 1043 quelle sulla pulizia delle strade. Da 878 a 420 quelle relative ai disservizi nella raccolta differenziata.

Attraverso le costanti indagini di gradimento del servizio che l’URP conduce, si è evidenziato come i cittadini apprezzino i servizi offerti e le informazioni ottenute.

Particolarmente gradita è la richiamata ai cittadini che non sono riusciti a contattare l’Ufficio a causa delle linee sovraccariche.

“Un ringraziamento particolare – conclude Salvatore Sirigu – al dirigente ed ai dipendenti dell’URP per l’ottimo lavoro svolto, soprattutto in questo ultimo anno alle prese con la pandemia”.