Su Planu: il quartiere staccato di Selargius,  agricolo in origine e residenziale oggi

Il territorio selargino di Su Planu è come un’appendice legata da un cordone ombelicale al resto del territorio comunale.

d Sergio Atzeni

Lo  sviluppo a falce di Selargius indica come una volta gli abitanti dell’antico centro avessero puntato verso l’interno forse per questioni agricole lasciando ad altri paesi vicini l’espansione verso il mare.

I selargini come tradizione sono sempre stati ottimi agricoltori soprattutto del grano e della vite e per questo hanno cercato i territori migliori da adibire a quelle coltivazioni.

Prima del 1800  nel Regno di Sardegna,  non esistendo la proprietà privata,   l’uso dei  territori per attività agricole era collettivo e senza dubbio i selargini preferirono  e gli  fu quindi  concesso di sfruttare la grande pianura che  arrivava fino a Su Planu, ottima collina perfetta per la coltivazione  della vite perché, come sanno gli addetti ai lavori,  i vini prodotti nei declivi hanno una  qualità  superiore a quelli della  pianura.

Questo è stato forse il motivo scatenante che ha portato i selargini di una volta, tanto lontani come residenza, a coltivare l’appetibile collina di Su Planu.

Guardate il servizio video  di Sergio Atzeni