Joao Pedro salva il Cagliari: solo 2-2 contro lo Spezia

Esordio al batticuore del Cagliari: Nandez (schierato tra i titolari) e Joao Pedro trascinano la squadra dallo 0-2 al pareggio finale: un punto conquistato o perso?

di Antonio Tore

Se il buongiorno si vede dal mattino, il Cagliari si appresta a vivere un altro campionato sul filo del pericolo.

L’allenatore Semplici, in attesa di novità dal mercato, decide di schierare dal 1° minuto sia Godin che Nandez e mentre il numero 2 vive una serata tra alti e bassi, el Leon si prende la scena di migliore in campo, con continue scorribande sulla fascia destra che producono panico nella attenta difesa spezzina.

Centrocampo a 5 dei rossoblù con Strootman a recuperare palloni su palloni anche con azioni, a volte, “sporche”, ma produttive. Deiola e Marin non sono nella serata migliore e soprattutto il sardo non sembra in grado di reggere il ruolo, nè di avanzare la propria candidatura a titolare fisso.

Anche Dalbert, schierato sulla fascia sinistra, va a corrente alternata, con alcuni spunti interessanti e altri meno produttivi per la fase offensiva.

L’attacco ha vissuto delle sportellate di Pavoletti con gli arcigni difensori e degli spunti di Joao Pedro, autore delle due reti rossoblù, ma il duo d’attacco non ha ricevuto sostegno da un qualcuno che avrebbe dovuto rivestire il ruolo di trequartista a supporto.

Sicuramente la partita avrà fornito spunti di riflessione per Semplici, che dovrà, almeno fino alla chiusura del mercato estivo del 31 agosto, far quadrare il cerchio della disposizione in campo e dei ruoli di alcuni giocatori per evitare pericolose scoperture in alcune zone che potrebbero aprire varchi per la squadra avversaria e mettere in apprensione la difesa che, notoriamente, non è un baluardo invincibile.