Dal 26 novembre la tre giorni del decimo Festival “Pazza Idea” a Cagliari

Al Centro d’Arte e Cultura “Il Ghetto” un percorso letterario – e non solo – attraverso incontri, laboratori applicativi, reading, panel, proiezioni, lectio magistralis e vari ospiti

redazione

Sguardo Altro: quest’anno il Festival “Pazza Idea” compie dieci anni e si rivolge alla contemporaneità con uno sguardo alternativo e aperto al possibile. Un ricco programma di appuntamenti si snoderà dal 26 al 28 novembre nella storica sede del Centro d’Arte e Cultura “Il Ghetto”, nel cuore della città.

La preziosa opportunità di realizzare un festival “in presenza” è l’occasione per sviluppare il tema portante di questa edizione: uno sguardo “altro” sul presente e le sue complessità, sulle esperienze inattese dell’anno della pandemia, sulle trasformazioni individuali e collettive che il nostro tempo ci richiede.

La decima edizione Pazza Idea vuole esplorare il cambiamento: cosa è accaduto nel nostro paesaggio interiore, nelle relazioni e negli equilibri fra l’interno – spirituale, fisico e del rifugio domestico, e sentimentale – e l’esterno, cioè i luoghi dei corpi, della socialità, del confronto con gli altri? E su un piano più ampio, nello scenario globale improvvisamente compresso, quali sono stati i cambiamenti più significativi?

Lo “Sguardo Altro” è la ricerca dell’alternativa possibile a meccanismi conosciuti e forse superati, e inevitabilmente l’incontro di nuove opportunità e punti di vista. I libri e la letteratura, l’arte e la creatività e ancor più le culture digitali sono protagoniste di questo tempo, e ci offrono preziosi strumenti di interpretazione, occasioni di partecipazione, sostegni oggi più che mai necessari.

Mattea Lissia, direttrice del Festival: “Storie, narrazioni, esempi pratici, incontri e confronti con il coinvolgimento di diverse tipologie di pubblico su temi di grande attualità e sempre con un preciso impegno sul fronte dei diritti. Questo è un progetto con il quale vogliamo esplorare anche le relazioni, i punti di frattura delle identità e delle persone, il cambiamento, le possibilità; con una grande attenzione sul tema del linguaggio, di una comunicazione più attenta, della riscoperta di strade alternative; per raccontare il mondo e le persone”.

Pazza Idea propone un percorso letterario – e non solo – attraverso incontri, laboratori applicativi, reading, panel, proiezioni, lectio magistralis che coinvolgono scrittrici e scrittori, filosofe, esperti/e di economia e società, musicisti/e, registi, giornalisti/e, creativi/e, esperti/e di cultura digitale, in un approfondimento culturale e creativo che suggerisca gli strumenti necessari per il quotidiano e punti di vista alternativi.

Gli ospiti della nuova edizione: Stefano Bartezzaghi, Paolo Berizzi, Lavinia Bianchi, Giulia Blasi, Jan Brokken, Mafe de Baggis, Donatella Martina Cabras, Maria Grazia Calandrone, Donatella Di Cesare, Paolo Di Paolo, Jolanda Di Virgilio, Michel Faber, Tiziana Ferrario, Alessio Forgione, Ilaria Gaspari, Vera Gheno, Tommaso Giagni, Mauro Ermanno Giovanardi, Paolo Milone, Gabriella Nobile, Safir Nou, Omar Pedrini, Antonio Prudenzano, Noemi Satta, Yari Selvetella, Annamaria Testa, Nadeesha Uyangoda, Pierluigi Vaccaneo, Manuel Vilas, Fabio Viola.

Il Festival è accompagnato dal sito internet http://www.pazzaidea.org/ da cui sarà possibile consultare il programma degli appuntamenti e iscriversi gratuitamente agli eventi.