Alla Mem di Cagliari la mostra “Lughe” firmata da Emanuela Zoncu

Da mercoledì 9 marzo gli spazi della Mem a Cagliari sono a disposizione degli artisti per una mostra strettamente legata alla tradizione della Sardegna

di Antonio Tore 

Gli spazi della Mediateca del Mediterraneo, Mem, messi a disposizione degli artisti. Verrà inaugurata mercoledì 9 marzo alle 17.30 alla Mem ( via G.Mameli 164) la mostra Lughe firmata da Emanuela Zoncu, un progetto artistico che, con il patrocinio del Comune di Cagliari, partendo dalla cultura sarda sconfina nella sperimentazione sia dal punto di vista della tecnica e sia nell’utilizzo dei materiali, che rimangono comunque strettamente legati alla tradizione sarda.

Nelle 22 opere originali 40 cm x 40 cm esposte alla Mediateca – a cui si aggiungono 3 tele di grandi dimensioni – si percepiscono fortemente i richiami alla tradizione e alla cultura della Sardegna, che si traducono in un nuovo genere “sardo” rielaborato tanto nelle tonalità quanto nella scelta dei supporti e dei materiali.

In ogni quadro, strutturato su una base compatta di colore stesa perlopiù in maniera geometrica, si sovrappone una parte materica caratterizzata da simboli della tradizione e del migliore artigianato artistico sardo. All’utilizzo di tessuti, spesso cuciti alla tela oppure applicati, si alterna l’inserimento di pezzi unici fatti a mano.

Nelle opere è evidente, vivo e palpabile il racconto di una terra di luce, ombre e colori. Le tele riecheggiano frammenti dei costumi tradizionali nei colori e nelle varianti delle diverse parti dell’Isola e, allo stesso tempo, scorci di paesaggi della Sardegna. Il mare e le zone più interne sono rappresentati nelle linee creative scelte per esaltare la maestosità della cultura e della tradizione sarde. I colori utilizzati sono intensi e si sviluppano in un’armonia cromatica sia nelle gradazioni sia nelle forme. Il risultato finale è un omaggio alla cultura sarda nella sua forma più nobile.

La personale di Emanuela Zoncu rientra nell’obiettivo dell’Assessorato alla cultura di animare gli spazi della Mediateca attraverso mostre personali, conferenze, esposizioni, valorizzazioni delle collezioni.

“Cagliari deve diventare un’officina di eventi spalmati tutto l’anno e in grado di soddisfare una variegata domanda culturale” ha dichiarato l’assessora M. Dolores Picciau – e nei nostri progetti c’è la rivitalizzazione di luoghi fondamentali come la Mediateca e l’Archivio storico”. La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 19.30 e il sabato fino alle 13,30.