La ASL di Cagliari in prima linea per l’accoglienza ai profughi

redazione
Anche la Asl di Cagliari in prima linea per l’accoglienza dei profughi ucraini che arrivano nell’Isola per sfuggire alla guerra. Nei giorni scorsi è stata infatti formata una task force diretta dalla responsabile del Servizio Prevenzione e Promozione della Salute della ASL di Cagliari, Silvana Tilocca, per organizzare l’accoglienza sanitaria.
Da lunedì al venerdì è attivo l’ambulatorio al piano terra di Via Romagna n.16, Pad. D., della Cittadella della Salute a Cagliari dove, dalle ore 10 alle 12, sarà possibile effettuare visite mediche, richiedere il codice STTP che identifica l’assistito per tutte le prestazioni erogabili e prenotare le vaccinazioni anti Covid-19. I cittadini ucraini saranno sottoposti a un tampone per rilevare l’eventuale presenza del covid, dopo di che saranno assistiti da un’equipe apposita che valuterà tutte le esigenze sanitarie.
 «Abbiamo iniziato l’accoglienza – ha spiegato ila dott.ssa Tilocca – di tanti cittadini che da diversi giorni sono arrivati in Sardegna e che abbiamo già visitato e sottoposto a screening. Grazie alla collaborazione con il Servizio di Vaccinoprofilassi ASL di Cagliari, sarà possibile prenotare il vaccino per tutti gli ospiti che non hanno completato il ciclo in Ucraina. Stiamo visitando persone molte spaventate e stanche: stanno fuggendo da una guerra – spiega ancora la dott.ssa Tilocca – e non sempre hanno avuto il tempo di vaccinarsi e di portare con sé tutti i medicinali. E’ importante che vengano da noi con tutta la documentazione sanitaria di cui sono in possesso”.

All’ambulatorio si accede tramite prenotazione chiamando il centro d’ascolto C.O.S.S.I. ai numeri: 0706096389 – 6489 dalle ore 8.30 alle ore 10.30.