Cagliari, Festival Musica e Storia: domani la terza giornata

In arrivo Massimo Zamboni, Irma Toudjian, Lia Careddu. Sino a domenica è visitabile la mostra fotografica di Ilona Kamps dedicata ad Alfonsina Strada

redazione

Terza giornata di programmazione domani (sabato 16 aprile) per Musica e Storia, il festival organizzato a Cagliari dalla Fondazione “Giuseppe Siotto”, e dedicato quest’anno ad Alfonsina Strada la prima donna, nel 1924, a partecipare al Giro d’Italia.

Alle 18 ad aprire la serata sarà “Il Quaderno di Sonya Orfalian”, reading con Irma Toudjian (pianoforte) e Lia Careddu (voce narrante), su mise en espace di Roberta Sanna. In questo lavoro teatrale due diverse generazioni di armeni discutono e si confrontano sull’organizzazione di un invito a cena.

Alle 20,30 arriva Massimo Zamboni, chitarrista, cantautore, scrittore ed ex leader dei CCCP, poi CSI. Zamboni sarà protagonista di La Macchia Mongolica, un reading dove l’autore, accompagnato da un filmato inedito di Piergiorgio Casotti, a venticinque anni dal primo viaggio con CSI si inoltra nuovamente nella terra dell’Altrove che abita in noi.

Sino a domenica, dalle 18 alle 20Musica e storia propone anche “Siamo tutt* diavoli in gonnella”, mostra della fotografa olandese Ilona Kamps. L’esposizione, curata dalle storiche dell’arte Elena Calaresu e Alice Deledda, pone l’attenzione sulla figura di Alfonsina Strada che la Kamps, affascinata dalla sua storia, decide di seguire per tre anni.

Informazionifgsiotto@gmail.com

Musica e storia è realizzato dietro la direzione artistica di Francesco Accardo.

Con il contributo di: Direzione Generale Educazione Ricerca Istituti Culturali del Ministero della Cultura, Assessorato alla Pubblica Istruzione Informazione Sport e Spettacolo della Regione Autonoma della Sardegna, Servizio Cultura del Comune di Cagliari, anca d’Italia, Fondazione di Sardegna.

Irma Toudjian. Pianista e compositrice di origine armena, nata in Libano, ha perfezionato gli studi musicali a Parigi presso I’ École Normale Supérieure de Musique/Alfred Cortot. Dal 1990 vive a Cagliari. Ha inciso 4 CD delle sue composizioni: Ritratti nel 2005, March in the desert nel 2008, L’Attente nel 2011, In certezza nel 2017 e Aghen nel 2006, che contiene un’ampia raccolta di musiche armene di Komitas e Gurdjieff/De Hartmann.

Lia Careddu. Attrice professionista dagli anni ’70, ha collaborato e si è formata sotto la guida di diversi registi e attori italiani e stranieri. Innumerevoli sono gli spettacoli a cui ha partecipato recitando in molti e prestigiosi teatri nazionali ed esteri. Nella sua vita artistica sono importanti anche le esperienze fatte alla radio, televisione e cinema. Tutt’ora è impegnata in diverse produzioni teatrali e cinematografiche.

Roberta Sanna. Dalle sperimentazioni giovanili alla laurea al Dams di Bologna, dall’impegno di spettatrice a quello del recensire, il teatro è una passione che la accompagna da sempre.

Sonya Orfalian. Armena della diaspora è nata in Libia e vive a Roma. Ha pubblicato diversi volumi, tra i quali: “La cucina d’Armenia. Viaggio nella cultura culinaria di un popolo”, “C’era e non c’era, Fiabe dalla terra d’Armenia”; “A cavallo del vento. Fiabe d’Armenia”. Di recente ha pubblicato “Paroles d’enfants Arméniens” Gallimard, 2021. E’ autrice di diversi testi teatrali, interpretati tra gli altri da: Maria Paiato, Elena Pau, Sergio Anrò, Graziano Piazza, Marco Cavalcoli e Serge Avédikian.

Massimo Zamboni. Scrittore e musicista, ha pubblicato vari album sia da solista sia con il gruppo CCCP-Fedeli alla linea e anche con il gruppo C.S.I. . Ha inoltre composto varie colonne sonore per documentari e film. Nel 2000 pubblica il tuo primo libro a quattro mani con Giovanni Lindo Ferretti In Mongolia in retromarcia. Nel 2015 vince il Premio Romanzo Storico con L’eco di uno sparo. Nel 2021 pubblica La trionferà.

Ilona Kamps. Ha studiato alla School of Photography di Denhaq.  È specializzata nella fotografia di persone e il loro ambiente e nel creare ritratti caratteristici. Inizia giornalismo di lunga e breve durata e relazioni documentarie nazionali e internazionali. Lavora per vari media, editori, agenzie di design, architetti e clienti del settore pubblico.

(foto in copertina: Lia Careddu di Daniela Zedda)