“In viaggio verso” all’Aeroporto di Cagliari

Torna la rassegna “In viaggio verso” organizzato dalla Cagliari Airport Library: il 10 maggio sarà ospite Crostian Mannu con il suo ultimo libro “Ritratto di donna”

redazione

L’appuntamento negli spazi della biblioteca aeroportuale è per le 18.00 di martedì 10 maggio: Cristian Mannu presenterà il suo ultimo libro, “Ritratto di donna“, edito da Mondadori.

“Vorresti chiederle se esiste davvero l’altra metà di se stesse, se lei ha trovato la sua, se esiste una formula magica per
sentirsi intere, magari anche un poco sicure, e non solo frammenti spezzati di cose perdute che non si ritrovano mai”.

Parte da qui la conversazione sul mondo di Mannu, sul suo stile narrativo e sul percorso che, dal successo di Maria di Isili, ha condotto l’autore vincitore del Premio Calvino 2015 fino al suo nuovo e potente romanzo.

L’incontro tra Cristian Mannu e il suo pubblico, moderato dallo scrittore Luca Masala, fa parte degli eventi ‘IN VIAGGIO VERSO’ organizzati dalla Cagliari Airport Library per promuovere il dibattito culturale attraverso la condivisione del viaggio interiore che, decollando dall’aeroporto, atterra su spazi e idee sempre diversi.

Partire ‘IN VIAGGIO VERSO’ Ritratto di donna con Cristian Mannu è semplice: l’evento è aperto a tutti e gratuito.

Informazioni importanti:
– per le prenotazioni è sufficiente inviare una mail a library@cagliariairport.it indicando nome, cognome, numero di telefono e posti richiesti totali oppure cliccare ‘PARTECIPERÒ’ sul post relativo all’evento (https://bit.ly/3Fc59hE) nella pagina Facebook @cagliariairportlibrary
– i partecipanti all’evento riceveranno un voucher che ridurrà il costo del
parcheggio alla cifra simbolica di 1 euro.

LA RASSEGNA
‘IN VIAGGIO VERSO’ è il titolo di una serie di iniziative culturali che hanno luogo negli spazi della biblioteca Cagliari Airport Library inaugurata il 25 Giugno 2021. L’idea nasce con lo scopo di promuovere la lettura in un viaggio da intraprendere insieme e in cui si possono incontrare scrittori e scrittrici, ascoltare storie e partecipare a dibattiti e ad approfondimenti culturali. Il viaggio parte dalla condivisione di tutte le emozioni che scaturiscono dalla lettura e dall’ascolto e arriva lontano grazie alle idee, i luoghi e le sensazioni che vengono di volta in volta evocati.

IL LIBRO
Due donne unite dal legame più intimo e complesso: quello tra madre e figlia. La figlia, ormai adulta e madre a sua volta, scrittrice affermata ma dalla vita personale irrisolta, cerca di ricostruire i frammenti del discorso amoroso che la lega alla madre anziana e alla Sardegna, la terra che ha lasciato anni prima e in cui ora è tornata. Come pezzi di conchiglie sparsi sul bagnasciuga i ricordi le pungono la pelle e le parlano di una remota bellezza, ma non riescono a
unirsi in una forma dotata di senso.

Com’è successo – quando, e perché? – che la madre sia diventata qualcuno da cui difendersi e scappare?
Eppure, nella distanza, tutto sembrava più nitido: il dolore, i silenzi, le incomprensioni. Più semplice attribuire ruoli e responsabilità. Ma le prospettive cambiano, man mano che si modifica la nostra esistenza. E quando la prospettiva del racconto si trasferisce alla madre, che nella seconda parte del romanzo diventa l’io narrante, ecco che il quadro si arricchisce di elementi: nuovi colori, profumi, forme. Finché l’incastro dei punti di vista e le rispettive rivelazioni sfociano in una visione dall’alto, che fotografa la nascita di un nuovo e inaspettato legame.

In un alternarsi continuo tra passato e presente, cullati dalla scrittura dolce e musicale di Cristian Mannu, poco alla volta assistiamo alla definizione di un quadro sempre più completo, ricco di dettagli e sfumature. Come se avessimo il privilegio di assistere alla composizione, pennellata dopo pennellata, e poi compissimo qualche passo indietro per ammirarlo nel suo insieme.

Accolto con entusiasmo da critica e pubblico con la sua opera di esordio, Maria di Ísili, Cristian Mannu torna con un romanzo potente e delicato, costruito con stupefacente maestria ed equilibrio, che ci coinvolge fin dalle prime righe per la sua forza emotiva.

CRISTIAN MANNU
L’autore è nato e vive in Sardegna. Con la sua prima opera, Maria di Ísili (Giunti, 2016), ha vinto la ventottesima edizione del Premio Italo Calvino e la prima edizione del Premio Fondazione Megamark. È stato inoltre finalista al Premio Berto, al Premio Dessì e al Premio Opera Prima 2016.

LUCA MASALA
Nato a Cagliari nel 1970, scrittore poliedrico, insegnante e Life Coach, ha pubblicato due raccolte poetiche: Ubiqua (2020) e Dappertutto stando fermi (2022). Un suo racconto compare nell’antologia Cagliaritani per sempre (in libreria dal 5 maggio). Sta lavorando al suo primo romanzo.