Approvato il secondo progetto che punta a migliorare l’approvvigionamento idrico nel territorio di Putifigari

redazione

 Nei giorni scorsi l’Ente di governo dell’Ambito della Sardegna ha approvato il progetto definitivo-esecutivo, presentato da Abbanoa, riguardante le opere di completamento necessarie per il miglioramento dell’approvvigionamento idrico nel territorio di Putifigari.

I lavori, per un importo complessivo di 260 mila euro, finanziati con risorse da tariffa, riguardano la realizzazione di un terzo tratto della condotta adduttrice che collega il partitore di Villanova Monteleone con il serbatoio di Putifigari, rendendo così autonoma l’alimentazione idrica di quest’ultimo.

Attualmente, a causa di un’anomalia nello schema acquedottistico servito dall’impianto di potabilizzazione alimentato dall’invaso sul fiume Temo, l’approvvigionamento idrico del territorio di Putifigari è infatti dipendente dalla rete di distribuzione di Villanova Monteleone. Già nei mesi scorsi, con il via libera al progetto di Abbanoa riguardante la costruzione dei primi due tratti della nuova condotta adduttrice, l’Egas aveva aperto la strada alla soluzione tecnica per l’approvvigionamento diretto di Putifigari. Ora, si pone l’ultimo tassello. Come i primi due, il terzo tratto della condotta adduttrice sarà realizzato in ghisa sferoidale e si estenderà per 496 metri.

“Gli interventi appena approvati si inseriscono nel più ampio programma regionale di manutenzione straordinaria e telecontrollo degli schemi acquedottistici regionali – spiega il presidente dell’Egas, Fabio Albieri– A lavori ultimati Putifigari metterà la parola fine all’asservimento dalla rete distributrice di Villanova e conterà finalmente su un servizio di approvvigionamento idrico sicuro ed efficace”.